Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: nuova versione dei giochi da scacchiera giocabili online Gomoku e Halatafl

tularemìa, sf. Malattia infettiva provocata dal batterio Francisella tularensis, trasmessa dal contatto con animali selvatici, tramite insetti vettori o per inalazione. Si manifesta in varie forme, con sintomi cutanei e linfoghiandolari, oculari, polmonari. 
Tulcea Città (98.000 ab.) della Romania, sul delta del fiume Danubio. Capoluogo del distretto omonimo. 
tùlio, sm. Elemento chimico di numero atomico 69, simbolo Tm, peso atomico 168,9, appartenente alla famiglia delle terre rare o lantanidi, nel gruppo III del sistema periodico degli elementi, comune all'ittrio. 
Tulipani e camini Opera di poesia di E. E. Cummings (1923). 
tulipàno, sm. Angiosperma (Tulipa) della famiglia delle Gigliacee e dell'ordine delle Liliiflore. Pianta erbacea originaria dell'Asia, ne esistono molte specie. Viene coltivato a scopo ornamentale, specialmente in Olanda. Alto dai 30 ai 70 cm con foglie oblunghe, ha un solo fiore che può essere di colore bianco, rosso, giallo. Introdotto in Europa nel XVI sec., la specie più coltivata è la Tulipa gesueriana. È diffuso particolarmente in Olanda che lo esporta in tutte le parti del mondo. La pianta del tulipano, molto robusta, si riproduce per bulbilli; questi vengono interrati a una profondità di circa 10 cm, tra i mesi di settembre e dicembre, e la fioritura avviene nella primavera. Viene effettuata anche la coltivazione in serre. 
tùlle, sm. sing. Velo formato da un tessuto molto sottile. 
Tùllo Ostìlio Secondo tradizione, terzo re di Roma dal 673 al 642 ca. a. C. Sotto il suo regno avrebbe avuto luogo la distruzione di Alba Longa; d'indole guerriera, scese in lotta anche contro Veio e Fidene. Secondo la leggenda, morì fulminato da Giove durante un sacrificio per aver commesso un errore nel rituale. Secondo un'altra versione, fu Anco Marcio a ucciderlo. 
Tulsa Città (367.000 ab.) degli USA, nello stato dell'Oklahoma, sul fiume Arkansas. 
Tulsi Das (Tulasi Dasa) (Rajpur 1532-Benares 1623) Poeta indiano in hindi. Tra le opere Il lago delle gesta di Rama
Tulu´ Città (121.000 ab.) della Colombia, nel dipartimento di Valle del Cauca. 
Tumba Lago (500 km2) dello Zaire, posto alla confluenza del fiume Ubangi nel fiume Congo. 
Tumbes Città (74.000 ab.) del Perú, sul fiume Río Tumbes. Capoluogo del dipartimento omonimo. 
tumefàre, v. v. tr. Far gonfiare. 
v. intr. pron. Farsi gonfio. 
tumefàtto, agg. Gonfio. ~ edematoso, ingrossato. <> riassorbito. 
tumefazióne, sf. Ingrossamento di qualche parte del corpo. ~ gonfiore. 
tumescènte, agg. Gonfio, tumefatto. 
tumescènza, sf. Rigonfiamento. 
tumidézza, sf. L'essere tumido. 
tùmido, agg. 1 Gonfio, pieno. ~ carnoso, turgido. <> sgonfio vuoto. 2 Relativo a uno stile ampolloso. 
Tumkur Città (109.000 ab.) dell'India, nello stato di Karnataka. Capoluogo del distretto omonimo. 
<< indice >>