Home page
varicocèle, sm. Patologica dilatazione e tortuosità della vena spermatica. 
varicóso, agg. Detto di vaso sanguigno che presenta varici. 
variegataménte, avv. In modo variegato. 
variegàto, agg. Di colore vario, per lo più a strisce. ~ screziato. <> monocromo. 
variegatùra, sf. L'essere variegato, aspetto di cosa variegata. 
varietà, sm. e sf. sm. Spettacolo di carattere leggero, composto da numeri di vario genere. ~ avanspettacolo, rivista. 
sf. 1 L'essere vario. ~ molteplicità. 2 Oggetto o individuo che si differenzia da altri della stessa specie. ~ razza. 3 Diversità. <> omogeneità. 
Varignon, Pierre (Caen 1654-Parigi 1722) Matematico e fisico francese. Fu il principale iniziatore del calcolo integrale e differenziale. Scrisse l'opera (postuma, 1725) Nuova meccanica o statica, in cui spiegava la composizione di forze e dimostrava il teorema dei momenti e dei lavori virtuali. 
vàrio, agg., sm. e sf. agg. 1 Che ha aspetti diversi. ~ poliedrico. <> monotono. linguaggio vario e raffinato. 2 Molteplice. ascoltÚ i vari pareri per farsi un'idea della situazione
sm. Ciò che cambia. ~ mutevole. 
sf. pl. Cose diverse, di vario genere. 
variolàto, agg. Vaiolato. 
variòmetro, sm. 1 Strumento atto a segnalare le variazioni di una grandezza fisica. 2 Strumento per la navigazione aerea che indica la velocità di variazione di quota. 
variopìnto, agg. Di vari colori. ~ multicolore, policromo. <> monocolore, uniforme. 
Varisèlla Comune in provincia di Torino (668 ab., CAP 10070, TEL. 011). 
varìsmo, sm. Anomala positura dei segmenti articolari determinante la deviazione dell'arto verso l'interno. 
Värmland Contea (285.000 ab.) della Svezia sudoccidentale, capoluogo Karlstad. 
Vàrmo Comune in provincia di Udine (3.012 ab., CAP 33030, TEL. 0432). 
Varna (città) Città della Bulgaria (300.000 ab.) capoluogo del distretto omonimo, posta tra il lago omonimo e il mar Nero. È il principale porto bulgaro, centro commerciale e stazione balneare. Possiede industrie siderurgiche, meccaniche, chimiche, cantieristiche, tessili, conciarie, alimentari, cotoniere e del tabacco. Fu fondata dai milesi nel VI sec. a. C. e occupata da traci e macedoni. Fu città fortificata romana, per passare poi a bizantini, bulgari e all'impero ottomano (1393). Dal 1878 fa parte della Bulgaria. 
Vàrna (comune) (in ted. Vahrn) Comune in provincia di Bolzano (3.269 ab., CAP 39040, TEL. 0472). 
vàro, agg. e sm. agg. Detto di arto o segmento che ha l'asse deviato verso l'interno, ossia verso la linea mediana del corpo. 
sm. 1 L'operazione del varare una nave. 2 Inaugurazione, prima prova. 
Vàro, Pùblio Quintilio (?-9 d. C.) Generale romano. Nel 4 riportò numerosi successi in Giudea, quindi fu sconfitto e ucciso nella selva di Teutoburgo dai germani di Arminio. 
Varòlio, Costànzo (Bologna 1543-Roma 1575) Medico e anatomista. Apportò importanti innovazioni tecniche nella dissezione del cervello.