Home page
védovo, agg. e sm. agg. 1 Che ha perduto, per morte, la moglie. 2 Privo, spoglio. ~ mancante. 
sm. Uomo a cui è morta la moglie. 
Vedovo, Il Film commedia, italiano (1959). Regia di Dino Risi. Interpreti: Alberto Sordi, Franca Valeri, Livio Lorenzon. 
vedrétta, sf. Piccolo ghiacciaio situato su un ripido pendio o in una conca. 
Vedùggio cón Colzàno Comune in provincia di Milano (4.231 ab., CAP 20050, TEL. 0362). 
vedùta, sf. 1 Panorama. la veduta del lago era magnifica di prima mattina. 2 Quadro o fotografia raffigurante un paesaggio. ~ scena. 3 Al plurale, modo di vedere. ~ opinione. ci fu uno scambio di vedute alquanto cruento, un'accesa discussione. 
vedutìsmo, sm. Genere di pittura del Settecento che riproduceva vedute prospettiche di edifici e di paesaggi. 
vedutìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Pittore di vedute. ~ paesaggista. 
veemènte, agg. Impetuoso. ~ focoso. <> flemmatico. 
veementeménte, avv. Con veemenza. ~ impetuosamente. <> flemmaticamente, pacatamente. 
veemènza, sf. L'essere veemente. ~ intensità. 
Véga Stella di colore bianco blu, distante ventisette anni luce e magnitudine 0,1; per questo motivo è la quinta stella più splendente del cielo e la prima della costellazione della Lira. 
VEGA 
Sonde spaziali russe, utilizzate dal 1984 al 1986 per l'esplorazione di Venere. Agli inizi di marzo del 1986 riuscirono a intercettare la cometa di Halley. 
Véga 1 e 2 Sonde spaziali sovietiche lanciate il 15 e il 21 dicembre 1984 con lo scopo di esplorare la cometa di Halley. Sorvolando Venere hanno lasciato cadere sul pianeta dei moduli automatici destinati a esplorarne l'atmosfera e fotografarne la superficie. 
Vega Carpio, Lope Félix de (Madrid 1562-1635) Drammaturgo e poeta spagnolo. Ebbe un'esistenza movimentata, costellata da numerose e violente passioni e da crisi religiose, che continuarono anche dopo la consacrazione religiosa. Fu condannato all'esilio. Scrisse numerosissime opere nelle quali rivoluzionò gli schemi del teatro colto rinascimentale richiamandosi alla tradizione storica nazionale e alla coscienza popolare e che influenzarono e rinnovarono la produzione teatrale spagnola successiva. Usò un linguaggio naturale e una tecnica libera da regole, come spiega nel Nuova arte di far commedie (1609). Ha scritto più di 400 commedie, tra cui Períbañez e il commentatore di Ocaña (1613), Fuente Ovejuna (1612-1614), Il miglior giudice è il re (1620-1623), Il cavaliere di Olmodo (1620-1625), Il marito più costante (1625) e Auto sacramentale: l'adultera perdonata
Vega, Garcilaso de la (Toledo 1503-Nizza 1536) Poeta spagnolo. Tra le opere Canzoniere (postumo, 1543). 
Vega, Garcilaso de la (El Inca) (Cuzco 1539-Cordova, Spagna 1616) Prosatore e storico peruviano. Tra le opere Commentari reali (1609-1617). 
vegetàle, agg. e sm. agg. 1 Che è proprio delle piante. il mondo vegetale. 2 Che si ricava dalle piante. olio vegetale. 3 Costituito da erbe o verdure. non poteva sopportare la sua dieta vegetale
sm. Organismo vivente del regno vegetale. ~ pianta. non amava i vegetali
vegetaliàno, sm. Chi pratica il vegetalismo. 
vegetalìsmo, sm. Tipo di vegetarianismo che esclude dalla dieta anche i prodotti di origine animale come latte, burro, uova, formaggio. 
vegetalìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Vegetariano. 
vegetàre, v. intr. 1 Vivere, svilupparsi, riferito ai vegetali. ~ crescere. <> sfiorire. 2 Condurre una vita inerte. ~ vivacchiare.