Home page
ventósa, sf. 1 Coppa di gomma che, premuta su di una superficie, vi rimane attaccata. 2 Organo per aderire a qualcosa. 
ventosità, sf. 1 L'essere ventoso. 2 Eliminazione dei gas prodotti nell'intestino. ~ flatulenza. 
ventóso, agg. Esposto al vento. 
Ventotène Comune in provincia di Latina (671 ab., CAP 04020, TEL. 0771). 
Isola di origine vulcanica, in provincia di Latina. Fa parte dell'arcipelago delle isole Ponziane, nel golfo di Gaeta. 
ventràle, agg. Del ventre. 
vèntre, sm. 1 Parte cava del corpo contenente stomaco e intestino. ~ pancia. procedere ventre a terra, per un cavallo, galoppare di gran furia. 2 Grembo materno. ~ utero. 3 La parte più interna. il ventre di una nave; il ventre della Terra, le viscere. 
Ventre di Napoli, Il Romanzo di M. Serao (1884). 
Ventre di Parigi, Il Romanzo di É. Zola contenuto nel ciclo I Rougon-Macquart (1873). 
ventrésca, sf. (pl.-che) Carne del ventre del tonno conservata sott'olio. 
ventricolàre, agg. Di ventricolo, relativo a un ventricolo. 
ventrìcolo, sm. In anatomia indica una cavità di un organo o dell'organismo. 
Ventricolo cardiaco 
Nei Vertebrati è una cavità che riceve sangue proveniente dall'atrio. Nel cuore umano vi sono due ventricoli, che servono per la circolazione del sangue. Nel ventricolo destro entra il sangue venoso proveniente dall'atrio destro tramite la valvola tricuspide e viene inviato all'arteria polmonare. Nel ventricolo sinistro entra sangue arterioso che giunge dall'atrio sinistro passando per la valvola mitrale e viene inviato all'arteria aorta. Hanno entrambi una capacità media di circa 200 cm3 (quello sinistro è sensibilmente meno ampio del destro), una forma conica con la punta rivolta verso il basso e pareti costituite da tessuto muscolare molto vigoroso. 
Ventricolo cerebrale 
Una delle quattro cavità dell'encefalo che contengono il liquido cefalorachidiano. Due di questi (ventricoli laterali) sono posti nella parte anteriore del cranio, proprio sopra al talamo ottico, e comunicano entrambi con il terzo ventricolo per mezzo di aperture chiamate fori di Monro. Anche il terzo e il quarto ventricolo sono collegati tra loro dal cosiddetto acquedotto di Silvio
ventricolografìa, sf. Radiografia del cranio mediante insufflazione di aria nei ventricoli cerebrali. 
ventrièra, sf. 1 Panciera. 2 Borsa che si teneva un tempo legata alla vita e che conteneva denaro o piccoli oggetti. 
ventrìglio, sm. Parte dello stomaco degli Uccelli dotata di muscoli in grado di triturare cibi durissimi. 
ventrilòquio, sm. L'arte del ventriloquo. 
ventrilòquo, agg. e sm. Persona dalla particolare caratteristica di poter parlare in modo da far supporre che la voce provenga dal ventre. Anticamente i ventriloqui erano utilizzati come oracoli, ma nel medioevo e nel rinascimento erano considerati posseduti dal demonio e quindi messi al rogo. Successivamente vennero apprezzati nel mondo dello spettacolo tanto che nell'Ottocento, il ventriloquo divenne un numero d'attrazione del varietà. Celebri ventriloqui furono l'americano Edgar Bergen, l'inglese Peter Brough e la francese Huguette Delysiolle. 
ventrìno, sm. Fascia utilizzata per stringere contro il pennone la vela quadra quando è serrata. 
ventùra, sf. 1 Sorte, destino. ~ caso. 2 Buona sorte, destino propizio. ~ fortuna. 
Ventùra, Lìno (Parma 1919-Parigi 1987) Attore cinematografico francese. Interpretò Ascensore per il patibolo (1957), Cadaveri eccellenti (1976) e Guardato a vista (1982). 
Ventùri, Adólfo (Modena 1856-Santa Margherita Ligure 1941) Storico dell'arte. Tra le opere Storia dell'arte italiana (1901-1940).