Home page
kaputt, agg. invar. Distrutto, morto. ~ finito. 
Kaputt Romanzo di C. Malaparte (1945). 
Kara (Russia) Fiume (225 km) della Russia. Nasce dai monti Urali Polari e sfocia nel mar di Kara. 
Kara (Togo) Regione (445.000 ab.) del Togo centro-settentrionale, capoluogo Kara. 
Kara-Bogaz-Gol Golfo del Turkmenistan, sulla costa orientale del mar Caspio. 
Karacajevo-Cerkessia Repubblica (434.000 ab.) autonoma della Russia, capoluogo Cerkessk. 
Karachi Città del Pakistan (5.200.000 ab.), capoluogo della provincia del Sind situata sulla costa del mar Arabico in prossimità della foce del fiume Indo. Importante centro portuale, ha avuto uno sviluppo economico rapido parallelamente a un'urbanizzazione incontrollata e disordinata. Vi si trovano industrie chimiche, petrolchimiche, elettrotecniche, conciarie, tessili, meccaniche, metallifere, della gomma, del vetro, del legno, del cemento. È stata capitale dal 1947 al 1960. 
Karadzic, Vuk Stefanovic (Trsic 1787-Vienna 1864) Storico, filologo e scrittore serbo. Tra le opere, Piccolo canzoniere popolare slavo-serbo (1814), Canzoniere popolare serbo (1815), i Canti popolari serbi (1823), le opere filologiche Grammatica (1814) e il Vocabolario serbo (1818). Nel 1847, si impegnò anche nella traduzione nel Nuovo Testamento. Nel 1867, venne pubblicata postuma la raccolta di racconti, indovinelli e proverbi popolari che lo scrittore aveva intitolato Vita e costumi del popolo serbo
Karaganda Città (614.000 ab.) del Kazakistan centro-orientale, capoluogo della provincia omonima. 
Karajan, Herbert Von (Salisburgo 1908-1989) Direttore d'orchestra austriaco. Studiò a Salisburgo e a Vienna. Fu direttore dell'Opera di Ulm dal 1927 al 1934, direttore dell'orchestra filarmonica di Berlino dal 1955 al 1989, e, infine, direttore dell'Opera di Stato di Vienna dal 1956 al 1964. Ha fondato il festival pasquale di Salisburgo. Apprezzato per la qualità delle esecuzioni, ha lasciato un numero imponente di registrazioni. 
Karajan, Herbert Von (Salisburgo 1908-1989) Direttore d'orchestra austriaco. Studiò a Salisburgo e a Vienna. Fu direttore dell'Opera di Ulm dal 1927 al 1934, direttore dell'orchestra filarmonica di Berlino dal 1955 al 1989, e, infine, direttore dell'Opera di Stato di Vienna dal 1956 al 1964. Ha fondato il festival pasquale di Salisburgo. Apprezzato per la qualità delle esecuzioni, ha lasciato un numero imponente di registrazioni. 
Karakoram Passo (5.575 m) che interrompe la catena omonima. Collega il Kashmir con la Cina. 
Karakorum Detta anche Karakoram, è una catena montuosa del Kashmir settentrionale nell'Asia centromeridionale. Estesa per circa 400 km da nord-ovest a sud-est, è delimitata a nord dai monti del Kunlun, a ovest dall'Hindukush, a sud dalla valle del fiume Indo e da quella del Shyok che la separano rispettivamente dall'Himalaya e dai monti Ladakh, infine a est dall'altopiano del Tibet. Si presenta con un nucleo di natura cristallina parzialmente rivestito da rocce sedimentarie ed è caratterizzata da cime che arrivano a superare gli 8.000 m: K2 (8.616 m), Broad Peak (8.047 m), Gasherbrum I (8.068 m), Gasherbrum II (8.035 m). I più importanti ghiacciai sono il Baltoro, il Rimu, il Siachen. La catena fa parte dei territori di Pakistan, Unione Indiana e Cina. 
karakùl, sm. invar. Tipo pregiato di lana ricavato da una pecora asiatica dal pelo lungo e ondulato. 
Karakum Regione desertica del Turkmenistan, tra l'Amudarja e il Kopet Dag. 
Karamanlis, Konstandinos (Proti 1907-Atene 1998) Politico greco di tendenze conservatrici. Fondò l'Unione nazionale radicale e fu presidente del consiglio dal 1955 al 1963. Dopo un esilio volontario a Parigi durante la dittatura militare, fu richiamato in Grecia nel 1967 e diresse un governo di centro destra ripristinando lo statuto nel 1974. Presidente della repubblica dal 1980 al 1985 e dal 1990 al 1995. 
Karamzin, Nikolaj Michajlovic (Michajlovka 1766-San Pietroburgo 1826) Romanziere e storico russo. Tra le opere La povera Lisa (1792) e Storia dello stato russo (1804-1826). 
Karandónis, Andréas (Andro 1910-Atene 1982) Critico letterario e poeta greco. Fondatore nel 1935 della rivista Ta nea grámmata (Lettere nuove), fu un grande ammiratore di G. Seféris. Tra le opere, le raccolte di versi Oroscopo (1957), Episodi (1964) e Storie di fantasmi (1972) e i saggi Palamâs (1932), Poesia greca contemporanea (1958), Fisionomie (1959), Proiezioni (1965), La nostra poesia dopo Seféris (1976) e Opere poetiche (1977). 
karaoke, sm. invar. Esibizione nella quale un dilettante canta canzoni in genere famose, accompagnato da una base musicale, leggendo il testo su un monitor. 
Karatau Catena montuosa della Russia, nel Kazakistan meridionale. Vetta più elevata il monte Bessaz (2.176 m).