Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

yiddish, sm. invar. Lingua parlata dagli ebrei ashkenaziti. Scritta in ebraico, si presenta come una varietà di tedesco, ricca di numerose parole ebraiche, aramaniche e slave. Nata dagli ebrei emigrati in Renania e Mosella, divenne lingua d'uso comune delle comunità ebraiche comprese tra Olanda e Russia e successivamente in USA e in Israele. Esiste una letteratura yiddish che nei primi secoli (dal XIII al XVIII) fu di tipo popolare e a carattere religioso. A questo periodo risalgono racconti epici di personaggi biblici (Schmuelbuch, XIV sec.), raccolte di parabole e aneddoti (Zenau-Rena, XVI-XVII sec.), racconti moraleggianti, libri di preghiera ecc. Una vera fioritura si ebbe a partire dal XVIII sec. quando, a causa della rinascita religiosa, la letteratura divenne il mezzo espressivo della cultura ebraica europea dividendosi in due correnti, la razionalistica, legata al movimento per l'emancipazione politica degli ebrei, e la chassidica che produsse racconti leggendari di ispirazione religiosa raccolti successivamente da Martin Bubur (1878-1916). I principali autori sono Mendele Moicher Sfurim (1837-1917), Yizchak Leib Perez (1851-1915) e Shalom Alekem (1859-1916), che scrissero dei ghetti dell'Europa centrale. Nel XIX sec. la maggiore produzione letteraria si ebbe in Unione Sovietica e negli USA, unico paese ancora letterariamente attivo. Qui hanno raggiunto fama internazionale autori come Shalom Asch (1880-1957), Josef Opotoshu (1887-1954) e Isaac Singer, premio Nobel per la letteratura (1978). 
Yimou, Zhang (1950-) Regista cinematografico cinese. Diresse Lanterne rosse (1991), La storia di Qiu Ju (1992) e Vivere (1994). 
yin, sm. invar. Nel taoismo, una delle due energie primarie opposte e complementari corrispondente al principio femminile e negativo. 
Yinchuan Città (576.000 ab.) della Cina, sul fiume Huang He. Capoluogo della regione autonoma di Ningsia-Hui. 
Yingkou Città (422.000 ab.) della Cina, sul golfo di Liaodong, nella provincia di Liaoning. 
Yining Città (120.000 ab.) della Cina, sul fiume Ili, nella regione autonoma di Xinjiang Uygur. 
yin-yang, sm. invar. Nella filosofia cinese, in particolare nel taoismo, nome delle due opposte energie primarie dell'universo. Lo yin è il simbolo del femminile, lo yang del maschile. 
YMCA Sigla di Young Men's Christian Association (associazione cristiana dei giovani). 
yòga, agg. e sm. invar. agg. invar. Dello yoga. 
sm. invar. 1 Sistema religioso e filosofico indiano. 2 Insieme di esercizi ginnici e respiratori basati sulle tecniche dello yoga. 
Sistema filosofico indiano, la cui codifica è attribuita al filosofo indiano Patanjali (Yogasutra, II-V sec.), che ha come scopo la completa autodisciplina del corpo e il dominio delle forze spirituali per il raggiungimento della pace e della conoscenza. Per mezzo di esercizi fisici, di particolari posizioni (asana), del controllo del respiro e della riduzione dell'attività sensoriale, attraverso otto gradi, conduce all'estasi mistica (samadhi) in cui spirito e materia sono separati. 
yogin, sm. invar. Chi pratica lo yoga. 
yògurt, sm. invar. Alimento ottenuto mescolando al latte colonie di fermenti lattici che lo fanno coagulare. 
yogurtièra, sf. Piccolo elettrodomestico per preparare in casa lo yogurt usando latte e yogurt prodotto industrialmente. 
Yogyakarta Città (412.000 ab.) della Cina, sull'isola di Giava. Capoluogo della provincia omonima. 
Yokadouma Città (53.000 ab.) del Camerun, capoluogo del dipartimento di Boumba e Ngoko. 
Yokkaichi Città (274.000 ab.) del Giappone, nel settore meridionale dell'isola di Honshu, nella prefettura di Mie. 
Yokohama Città (3.220.000 ab.) del Giappone, nel settore sudorientale dell'isola di Honshu, nella baia di Tokio. Capoluogo della prefettura di Kanagawa. Porto del Giappone e fiorente centro commerciale. Le principali industrie presenti sono quelle siderurgiche, metallurgiche (alluminio), cantieristiche, meccaniche, petrolchimiche, alimentari e tessili. 
Yokosuka Città (433.000 ab.) del Giappone, nel settore sudorientale dell'isola di Honshu, nella prefettura di Kanagawa. 
Yokosuka Città (433.000 ab.) del Giappone, nel settore sudorientale dell'isola di Honshu, nella prefettura di Kanagawa. 
Yonago Città (131.000 ab.) del Giappone, nella prefettura di Tottori, sull'isola di Honshu. 
Yonne Dipartimento (323.000 ab.) della Francia, nella Borgogna. Capoluogo Auxerre. Territorio formato dalle diramazioni dei monti del Morvan, dalle colline dell'Auxerrois e dalla pianura attraversata dal fiume Yonne. L'agricoltura produce ortaggi, uva, frutta e cereali. Sviluppato l'allevamento. Le principali industrie presenti sono quelle alimentari, meccaniche, metallurgiche, conciarie e dell'abbigliamento. Centri principali sono: Avallon, Chablis, Sens. 
<< indice >>