Enciclopedia

bivàlve, agg. Che presenta due valve. 
Bivàlvi Classe del tipo dei Molluschi, sottoregno animale dei Metazoi, in cui figurano Molluschi dotati di conchiglia formata da due valve articolate a cerniera. Sono anche detti Lamellibranchi e hanno il corpo protetto da un mantello. Se un corpo estraneo penetra nel mantello, il mollusco lo isola secernendo una sostanza madreperlacea che formerà la perla. Alcuni di essi possiedono un piede che può fuoriuscire dalle valve ed è usato per procedere o scavare. L'ordine comprende circa 20.000 specie diverse, divise negli Anisomiari (mitilo e ostrica), Eulamellibranchi (vongola) e Tossodonti (nucula). 
bìvio, sm. 1 Punto in cui una via di comunicazione si biforca. ~ biforcazione. 2 Punto, momento, in cui due o più soluzioni determinano incertezza nella scelta. ~ alternativa. 
bivòmere, agg. Relativo a un particolare tipo di aratro composto due corpi operanti, ognuno dei quali munito di un vomere, un coltro, un versoio e, a volte, un avanvomere, montati su di un telaio rigido. 
Bivóna Comune in provincia di Agrigento (5.076 ab., CAP 92010, TEL. 0922). 
Bivóngi Comune in provincia di Reggio Calabria (1.776 ab., CAP 89040, TEL. 0964). 
Biwa Lago (674 km2) del Giappone, nell' Honshu meridionale. 
bìxa, sf. Genere di alberi bassi originari dell'America centrale, appartenenti alla famiglia delle Bixacee, che comprende la sola specie Bixa orellana, utilizzata nell'industria tintoria. 
bixìna, sf. Colorante naturale per alimentari della classe dei carotenoidi, estratto dai semi della Bixa orellana
Bìxio, Geròlamo détto Nìno (Genova 1821-Sumatra 1873) Militare, patriota e uomo di mare. Membro della marina sarda, fu amico di Mazzini e capo delle correnti democratiche genovesi. Lottò nelle guerre d'indipendenza del 1848 e 1849 e del 1859, difese la Repubblica romana, partecipò alla spedizione dei Mille (1860) e combatté a Palermo e Calatafimi. Represse i moti contadini in vari centri della Sicilia e fu eletto deputato. Comandante ad Alessandria, si distinse ancora a Custoza (1866) e nella presa di Roma (1870). 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)