Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

bucanière, sm. Pirata, in genere francese, inglese o olandese, che si dedicava alla guerra corsara specialmente nel secolo XVII. ~ filibustiere. 
Bucaramanga Città (342.000 ab.) della Colombia, capoluogo del dipartimento di Santander. 
bucàre, v. v. tr. 1 Fare buchi. ~ forare. <> turare. bucare i biglietti di viaggio, obliterarli. 2 Pungere. 
v. rifl. 1 Forarsi. ~ pungersi, ferirsi. 2 Drogarsi iniettandosi specialmente eroina. ~ farsi. 
Bucarest Capitale della Romania (1.990.000 ab.; 2.198.000 l'agglomerato urbano) situata nella pianura valacca, sulle rive del fiume Dimbovita, dove le vie di comunicazione tra il Danubio e la Transilvania si intersecano. La parte moderna della città, sulla riva destra, è caratterizzata dalla presenza di grandi giardini, parchi e viali anche se è cresciuta in un modo sregolato; è importante centro industriale (industrie meccaniche, delle calzature, conciarie, metallurgiche, tessili). Fu la capitale dei principi di Valacchia dalla fine del XV sec.; sopportò attacchi e distruzioni da parte di turchi, russi e austriaci (XVIII e XIX secc.). Nel 1862 diventò capitale dei principati uniti di Valacchia e Moldavia e nel 1881 divenne capitale della Romania. Nel 1989 il regime dittatoriale di N. Ceausescu venne rovesciato da un'insurrezione popolare; le seguenti manifestazioni anticomuniste sono state soffocate con la violenza da I. Iliescu, nuovo capo dello stato. 
Paci di Bucarest 
Una venne firmata nel 1882 tra Russia e Turchia; stabiliva la cessione della Bessarabia e di parte della Moldavia alla Russia. Una seconda pace, firmata nel 1886 tra Serbia e Bulgaria, salutò l'indipendenza della Bulgaria. 
Trattati di Bucarest 
L'uno fu siglato al termine della seconda guerra balcanica (1913); decretò la cessione, da parte turca, della Macedonia alla Serbia e della Tracia alla Grecia; la Romania ottenne la Dobrugia dalla Bulgaria, la Turchia Adrianopoli. L'altro, successivamente, fu siglato alla fine della prima guerra mondiale tra Romania e imperi centrali (1918). 
bucatìno, sm. spec. pl. Sorta di spaghetti, più grossi dei comuni bucati. 
bucàto, agg. e sm. agg. Che presenta fori. 
sm. Lavatura della biancheria. ~ lavaggio. 
bucatùra, sf. Atto del bucare; segno lasciato da arnesi appuntiti. 2 Foratura di una gomma, di uno pneumatico. 
buccellàto, sm. Dolce a forma di ciambella con uva passita e anici. 
Bùccheri Comune in provincia di Siracusa (2.755 ab., CAP 96010, TEL. 0931). 
bùcchero, sm. 1 Terra odorosa, argillosa e nera, con cui si facevano vasi e pastiglie per profumare le stanze. 2 Vaso fatto con tale terra. 
Bucchiànico Comune in provincia di Chieti (4.805 ab., CAP 66011, TEL. 0871). 
bùccia, sf. 1 Parte esterna di frutti, tuberi e semi. ~ tegumento. 2 Sottile corteccia. 3 Crosta, parte esterna. ~ scorza. 
Bucciàno Comune in provincia di Benevento (1.817 ab., CAP 82010, TEL. 0823). 
buccìna, sf. Strumento a fiato, ricurvo, adoperato nelle antiche milizie romane. 
buccinàre, v. v. tr. Divulgare. ~ diffondere. 
v. intr. Suonare la buccina. 
Buccinàsco Comune in provincia di Milano (20.085 ab., CAP 20090, TEL. 02). 
buccinatóre, sm. 1 Suonatore di buccina. 2 Termine anatomico che designa un muscolo piatto di piccole dimensioni situato nella guancia. 
Buccìnidi Famiglia di Molluschi Gasteropodi marini dell'ordine dei Prosobranchi Stenoglossi. Sono dotati di una spessa conchiglia conica con grande apertura che si prolunga in un tubo di lunghezza variabile. 
Buccìno Comune in provincia di Salerno (5.926 ab., CAP 84021, TEL. 0828). 
bùcco, sm. (pl.-chi) Droga utilizzata in medicina per le proprietà diuretiche, si ricava dalle foglie di alcune specie di Barosma. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)