Enciclopedia

carradóre, sm. Artigiano che costruisce o ripara carri, barrocci e altro. 
carrageen, sm. invar. Nome dell'alga rossa denominata Chondrus crispus; fornisce una gelatina alimentare utilizzata nella medicina e nell'industria. 
carragenìna, sf. Polisaccaride presente in alcune alghe rosse diffuse lungo le coste dell'Atlantico settentrionale. 
carràia, sf. Strada adatta a essere percorsa dai carri. 
carràio, agg. e sm. agg. Che permette il passaggio di carri o altri autoveicoli. ~ carrozzabile. 
sm. 1 Chi fabbrica o ripara carri. 2 Conducente di carri. 
Carrao Fiume (300 km) del Venezuela, affluente del Caroní. Nasce dai Monti Pakaraima. 
Carràra Città della Toscana (69.000 ab., 100 m, CAP 54033, TEL. 0585) a 7 km a nord-ovest da Massa, alle falde delle Alpi Apuane. La città è nota per le cave di marmo pregiato. La parte più antica occupa un colle, la parte nuova è cresciuta nella pianura verso il mare (Marina di Carrara). Interessanti le chiese, duomo romanico gotico (XII-XIII sec.); la Rocca Malaspina (XIII sec.) poi palazzo ducale nel XVI sec. 
Carràra San Giórgio Comune in provincia di Padova (4.126 ab., CAP 35020, TEL 049). Centro agricolo (uva, cereali, frutta e ortaggi) e delle industrie meccaniche, nei Colli Euganei. Gli abitanti sono detti Carraresi. 
Carràra Sànto Stèfano Comune veneto in provincia di Padova (12.5 Km2, 2.000 ab.). 
Carràra, Francésco (Lucca 1805-1888) Giurista. Fondò la Scuola classica di diritto penale. Fu un acceso avversatore della pena di morte e s'impegnò in politica per evitare l'estensione delle leggi sarde all'Italia intera. Scrisse Programma di diritto criminale (1867-1870). 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)