Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

Enciclopedia

cìrca, avv., prep. e sm. avv. Quasi, approssimativamente, suppergiù, all'incirca. ~ pressappoco. <> esattamente. pesava circa cento chili
prep. A proposito di, intorno a, per quanto riguarda. ~ in merito a, attorno a. circa quei fatti, ne parleremo pił avanti
sm. Clausola inserita in un ordine di borsa per consentire un determinato margine di tolleranza sul prezzo fissato. 
circàsso, agg. e sm. agg. Che si riferisce a una popolazione del Caucaso. 
sm. 1 Chi appartiene alla popolazione circassa. 2 Lingua della famiglia caucasica parlata dai circassi. 
Cìrce Personaggio della mitologia greca, figlia del Sole e di Perse, abitante nell'isola di Eea (Circeo). Nell'Odissea trasformava in animali tutti quelli che vi approdavano. Ulisse riuscì a sfuggire dall'incantesimo grazie al filtro di Hermes, che fece innamorare di sé la maga la quale gli indicò la via per scendere all'Ade. 
Circèllo Comune in provincia di Benevento (3.053 ab., CAP 82020, TEL. 0824). 
circènse, agg. Riferito al circo. 
Circèo Promontorio roccioso sul mar Tirreno, a sud-ovest di Terracina, in provincia di Latina. Famoso è il Picco di Circe (541 m); numerose sono le grotte con reperti primitivi. Parte del suo territorio è occupato dal Parco Nazionale del Circeo, abitato da cinghiali e daini. Si dice che il Circeo sia stato a lungo l'abitazione della maga Circe. Il centro più importante è San Felice Circeo. 
Circik Città (158.000 ab.) dell'Uzbekistan, nella provincia di Taskent. 
circinàto, o cercinàto, agg. Genere di disposizione delle foglie nelle gemme che si presentano arrotolate a pastorale. 
cìrco, sm. (pl.-chi) 1 Edificio romano con due lati paralleli e due ricurvi destinato a giochi pubblici. 2 Arena viaggiante, smontabile, ove si danno spettacoli anche con animali. 3 Conca tondeggiante a fondo ampio e pareti ripide situata alla testa delle valli glaciali. 
Cìrco Màssimo Si trova a Roma tra il colle Palatino e l'Aventino: un tempo era il più grande stadio della Roma antica e oggi è ridotto a una distesa erbosa. Dopo la sua costruzione, subì molte modifiche, volte ad ampliarlo e abbellirlo, a partire dal IV sec. a. C. fino al 549 d. C. Lo stadio era costituito da una pista rettilinea lunga più di 500 m, sulla quale si svolgevano le corse dei cavalli e delle bighe, competizioni di atletica o di animali. La pista era circondata da gradinate sulle quali potevano trovare posto fino a 150.000 spettatori che facevano il tifo e scommettevano sulle corse. Nel IV sec. a. C. fu costruita una spina centrale che divideva la pista in senso longitudinale e su di essa, nel 10 a. C., fu posto un obelisco alto 23 m (che ora si può ammirare in piazza del Popolo). Prima Nerone, poi Domiziano e Traiano, ne aumentarono la capienza aggiungendo tribune e gradinate, portandola a 250.000 persone. Un secondo obelisco fu fatto costruire da Costantino II nel IV sec. (oggi in piazza San Giovanni in Laterano). 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)