Enciclopedia

conciliàbolo, sm. Adunanza, spesso segreta, per fini non buoni. 
conciliànte, agg. 1 Accomodante. ~ accondiscendente. <> inflessibile. 2 Invitante, accattivante. ~ gradevole. <> urtante. 
conciliàre, agg., sm. e v. agg. Che riguarda il concilio. : :i doveva svolgere una seduta conciliare quel pomeriggio 
sm. Membro di un concilio. 
v. tr. 1 Mettere d'accordo, in pace. ~ pacificare. <> inasprire. conciliare gli animi bollenti. 2 Fare venir meno la materia di una controversia. ~ concordare. <> scontrarsi. conciliare una multa. 3 Procacciare, accattivare. ~ favorire. 
v. intr. pron. e rifl. rec. 1 Mettersi d'accordo. ~ intendersi. 2 Adattarsi. ~ conformarsi. ha scelto una professione che si concilia perfettamente al suo modo di essere. 3 Accattivarsi. ~ conquistarsi. <> alienarsi. si concilị la sua benevolenza
conciliatìvo, agg. Che tende a conciliare. ~ conciliante. 
conciliatóre, agg. e sm. (f.-trìce) agg. Che concilia. 
sm. 1 Chi concilia. 2 Magistrato che risolve cause di limitata entità economica. 
conciliatòrio, agg. Atto del conciliare. 
conciliazióne, sf. 1 Raggiungimento di un accordo. 2 Accordo concluso tra la chiesa e lo stato, determinante la stipulazione dei patti lateranensi. 
concìlio, sm. 1 Assemblea dei vescovi della chiesa cattolica convocati per deliberare su questioni ecclesiastiche riguardanti la fede, la dottrina e la disciplina. ~ sinodo. 2 Riunione, adunanza solenne. 
concimàia, sf. Deposito per la trasformazione di stallatico in letame utilizzato come fertilizzante. 
concimàre, v. tr. Cospargere di concime. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)