Enciclopedia

danzàre, v.v. tr. Eseguire un ballo. 
v. intr. Ballare. ~ piroettare, volteggiare. 
danzatóre, sm.(f.-trìce) Chi danza. ~ ballerino. 
DànzicaCittà della Polonia (461.000) sulla costa sudoccidentale del golfo omonimo che si affaccia sul mar Baltico. Sorge a ovest della foce del fiume Vistola. Capoluogo del voivodato omonimo è principale sbocco sul mare del Paese. Fu capitale del ducato di Pomerania (XII sec.). Città anseatica si proclamò indipendente sotto la protezione polacca (1454). Divenne un importante sbocco sul mar Baltico, soprattutto per il commercio dei cereali. A seguito della seconda spartizione della Polonia, venne consegnata alla Prussia nel 1793, rimanendo tedesca fino al 1919, quando fu dichiarata città libera dalla Società delle Nazioni. Fu oggetto di dispute tra la Polonia e la Germania che riuscì a occuparla nel 1939. Venne liberata nel 1945 dall'esercito tedesco per essere poi annessa alla Polonia. Il centro storico della città conserva ancora qualche monumento antico, come la cattedrale di Santa Maria, il palazzo del Municipio e la porta della Gru. 
Danzica 
Golfo della Polonia, nel mar Baltico, tra la penisola di Hel e quella russa di Samland. 
Danzica 
Voivodato (1.438.000 ab.) della Polonia, nei pressi del fiume Vistola e della Pomerania orientale. 
DaóneComune in provincia di Trento (609 ab., CAP 38080, TEL. 0465). 
dàpe, sf.(pl. f. dàpe, m. dàpi) 1 Vivanda. ~ vettovaglia. 2 Banchetto. ~ libagione. 3 Nutrimento spirituale. 
Daphnis et ChloéSinfonia coreografica in un atto e tre quadri di M. Ravel, libretto di M. Fokine (Parigi, 1812). 
dappertùtto, avv.In ogni parte, in tutti i luoghi. ~ ovunque. 
dappiè, o dappiède, avv.Nella parte inferiore, ai piedi. 
dappiù, agg.Superiore per grado o capacità. <> dammeno. 
dappocàggine, sf.L'essere dappoco. ~ inettitudine. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)