Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

dendroaspis, sm. invar. Genere di Rettili Ofidi della famiglia degli Elapidi, serpenti africani velenosi, lunghi più di 2 m, detti comunemente mamba. 
dendròbate, sm. Genere di Anfibi Anuri della famiglia dei Dendrobatidi, con dita provviste di ventose che utilizzano per muoversi sugli alberi sui quali vivono. 
Dendrocèlo, sm. Genere di Platelminti Turbellari dell'ordine dei Tricladi, viventi in acqua dolce. 
Dendrochiròti Ordine di Echinodermi Oloturoidi provvisti di tentacoli a ciuffo arborescente, comuni in tutti i mari. 
dendroclimatologìa, sf. Metodo di studio dei paleoclimi che si basa sull'osservazione degli anelli di accrescimento annuale degli alberi. 
dendrocronologìa, sf. Metodo di datazione assoluta fondato sulla determinazione dell'età di una pianta ottenuta mediante l'analisi degli strati di crescita annuale degli alberi 
dendrografìa, sf. Parte della botanica dedicata allo studio degli alberi. 
dendròide, agg. 1 Relativo a organismi o a organi che presentano ramificazioni come le Spugne e i Coralli. 2 Si dice della forma della radice delle piante superiori. 
dendròlago, sm. Nome comune e genere di Mammiferi Marsupiani della famiglia dei Macropodidi. ~ canguro. 
dendròmetro, sm. Strumento atto a misurare le dimensioni di un albero. 
Deneb La stella, appartenente alle giganti bianche, più luminosa della costellazione del Cigno; ha magnitudine 1,3. 
denegàre, v. tr. Negare con decisione, ricusare. ~ rifiutare. 
Deneuve, Catherine (1943-) Attrice cinematografica francese. Nome d'arte di Catherine Dorléac. Figlia di attori, giovanissima ebbe ruoli minori in Le collegiali (1958) e Les petits chats (1959) e in due film con protagonista la sorella maggiore Françoise Dorléac, Les portes claquent (1960) e Ce soir ou jamais (1960). Nei primi anni Sessanta, Roger Vadim (ex marito e pigmalione di Brigitte Bardot) cercò di lanciarla in Il vizio e la virt¨ (1962), ma solo con il successivo Les parapluies de Cherbourg di Jacques Demy raggiunse il successo e con Bella di giorno (1967) di Luis Bu˝uel si affermò a livello internazionale come una delle figure di riferimento del cinema francese. Bellezza statuaria e provocante, si è affermata per il suo fascino ed eleganza, alimentati dall'attività pubblicitaria per il profumo Chanel e successivamente da una propria società di produzione di profumi e gioielli. Tra i suoi film di successo, Repulsion (1965), Le creature (1966), Bella di giorno (1967), Manon 70 (1967), La mia droga si chiama Julie (1969), Tristana (1970), Non toccare la donna bianca (1973), Fatti di gente per bene (1974), L'ultimo metr˛ (1980), Speriamo che sia femmina (1984), Indocina (1992) e Il convento (1995). 
Deng Xiaoping (Guangyan 1904-Pechino 1997) Uomo politico cinese, moderato e pragmatico. Fu stretto collaboratore di Mao Tse-tung. Acquisì in Francia nel 1924 le idee comuniste e dopo aver fatto parte del comitato centrale del Partito comunista cinese (PCC), ne divenne segretario generale nel 1959, restando in carica fino al 1966. All'inizio della rivoluzione culturale, fu attaccato ed escluso nel 1969 dal comitato centrale con l'accusa di essere un deviazionista di destra. All'inizio degli anni '70, appoggiato da Chou En-Lai, riuscì a tornare al governo con la carica di vice primo ministro (1975). Alla morte di Mao (1976) recuperò completamente il potere; le sue aperture economiche e di relazioni con gli occidentali, e soprattutto con gli Stati Uniti, non portarono a una maggiore democrazia interna e sfociarono nei movimenti studenteschi di Tien-An-Men (repressione di Pechino, giugno 1989). 
dengue, sf. invar. Infezione endemico-epidemica simile all'influenza, trasmessa da alcune zanzare nei paesi tropicali, in oriente e nel Mediterraneo orientale. 
Dènice Comune in provincia di Alessandria (243 ab., CAP 15010, TEL. 0144). 
denicotizzàre, v. tr. Togliere o ridurre la nicotina nel tabacco. 
denigràre, v. tr. 1 Parlare male di una persona o di una cosa, togliendole il merito, la stima e simili. ~ sparlare. <> decantare, incensare. 2 Screditare, calunniare. ~ diffamare. <> lodare. 
denigratóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, chi denigra. ~ diffamatore. <> adulatore. 
denigratòrio, agg. Che è atto o tende a denigrare. ~ diffamatorio, infamante. <> elogiativo. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)