Novità del sito: Mappe antiche

foràre, v. v. tr. Trapassare con uno o più fori. ~ perforare. <> otturare. 
v. intr. pron. Subire una foratura. ~ bucarsi. 
forasàcco, sm. (pl.-chi) Graminacea a piccole spighe aventi peli rigidi. 
forasièpe, sm. Scricciolo. 
foràstico, agg. (pl. m.-ci) Poco socievole. ~ misantropo. 
forastière, agg. e sm. Forestiero. 
foratèrra, sm. Arnese da giardinaggio per fare buchi nel terreno. 
foratìno, sm. 1 Mattone forato con una sola serie di fori e usato per pareti divisorie sottili. 2 Al plurale, un tipo di pasta. ~ bucatini. 
foràto, agg. Di un tipo di mattone attraversato da più serie di fori. 
foratóio, sm. Arnese per fare buchi. 
foratùra, sf. Il forare, il forarsi, l'essere forato. 
fòrbice, sf. (pl.-ci) 1 Strumento di acciaio formato da due lame incrociate che serve a tagliare. ~ cesoie. forbici della censura, interventi restrittivi contro ciò che può offendere la morale o un'ideologia dominante effettuati su opere letterarie, artistiche; forbice dei salari, divari fra le retribuzioni delle varie categorie. 2 Chele. 
forbiciàta, sf. 1 Colpo dato con le forbici. 2 Sforbiciata. 
forbicìna, sf. 1 Diminutivo di forbice. 2 Pianta (Bidens tripartita) appartenente alla famiglia delle composite. Cresce spontaneamente nei campi e lungo i fossati. Nome derivato dai particolari frutti provvisti di un doppio prolungamento. 3 Insetto (Forficula auricularia) della famiglia dei Forficulidi e dell'ordine dei Dermatteri. Misura fino a 2 cm, vive sotto le pietre. 
forbìre, v. tr. 1 Pulire, lustrare. ~ detergere. <> insozzare. 2 Tergere. ~ asciugare. 3 Purificare. ~ raffinare. <> deturpare. 
forbitaménte, avv. In modo forbito, raffinatamente. ~ elegantemente. 
forbitézza, sf. L'essere forbito. ~ raffinatezza. 
forbìto, agg. 1 Pulito. ~ netto. 2 Raffinato. ~ elegante. <> sciatto. 
fórca, sf. 1 Strumento agricolo per spostare fieno e simili. ~ bidente. 2 Oggetto a forma di forca. 3 Patibolo per impiccagioni. ~ capestro. avanzo di forca, malvivente, delinquente. 4 Valico tra due monti. 
Fórca Canapìne Valico (1.543 m) dell'Appennino Umbro-Marchigiano, a sud dei monti Sibillini. 
forcaiòlo, sm. Persona dagli atteggiamenti reazionari, detto in senso dispregiativo. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)