Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

formalizzàrsi, v. intr. pron. Mostrarsi irritato per un'inosservanza delle forme. ~ scandalizzarsi. 
formalizzazióne, sf. L'atto e l'effetto del formalizzare. 
formalménte, avv. 1 Dal punto di vista formale. 2 Ufficialmente. ~ espressamente. 
Forman, Milos (Cáslav, Boemia 1932-) Regista cinematografico cecoslovacco. Dopo le prime realizzazioni in patria (L'asso di picche, 1963 e Gli amori di una bionda, 1965), emigrò negli Stati Uniti dove vinse l'Oscar con Qualcuno volÚ sul nido del cuculo (1975), continuando le serie di successi con Hair (1979), Ragtime (1981), Amadeus (1984, vincitore di otto Oscar), su W. A. Mozart, e Valmont (1988) e Larry Flynt. Oltre lo scandalo (1996). 
formàre, v. v. tr. 1 Dare forma. ~ modellare. 2 Dare origine a qualcosa. ~ costituire. <> disfare. 3 Costruire. ~ comporre. 4 Educare, istruire, plasmare. ~ addestrare. la scuola deve formare i futuri cittadini. 5 Essere, rappresentare. insieme formavano un gruppo molto affiatato
v. intr. pron. 1 Prodursi. ~ farsi. 2 Crescere. ~ svilupparsi. quel ragazzo si Ť formato velocemente. 3 Prepararsi, avviarsi. ~ indirizzarsi. 4 Diventare. ~ costituirsi. 5 Evidenziarsi, delinearsi. ~ manifestarsi. 
formatìvo, agg. Atto a formare. ~ istruttivo. <> diseducativo. 
formàto, agg. e sm. agg. 1 Che ha forma. 2 Che ha raggiunto un pieno sviluppo fisico e mentale. 
sm. 1 Dimensione, misura di un oggetto. ~ grandezza, pezzatura. 2 Misura di un fotogramma di una pellicola fotografica o cinematografica. 
formatóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, chi forma o prepara forme. 
formatrìce, sf. 1 Macchina che serve a preparare le forme usate in fonderia. 2 Macchina usata per dar forma al burro o ad altri prodotti semisolidi. 
formattàre, v. tr. Eseguire una formattazione. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)