Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

Martìni, Alessàndro Fondatore nel 1847 a Torino insieme a Luigi Rossi dell'omonima industria produttrice di bevande alcoliche. 
Martìni, Artùro (Treviso 1889-Milano 1947) Scultore. Tra le opere La pisana (1928-1929, Treviso, Museo Civico), MaternitÓ (1929-1930, Torino, Galleria d'Arte Moderna) e Donna alla finestra (1930, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna). 
Martìni, Càrlo Marìa (Torino 1927-) Gesuita, arcivescovo di Milano dal 1980 e cardinale dal 1983. Dal 1987 al 1993 fu inoltre presidente del consiglio delle conferenze episcopali europee. 
Martìni, Fàusto Marìa (Roma 1886-1931) Scrittore italiano. Scrisse poesie crepuscolari (Le piccole foglie, 1906; Poesie provinciali, 1910), testi teatrali (Il fiore sotto gli occhi, 1921; L'altra Nanette, 1923) e racconti e romanzi autobiografici (VerginitÓ, 1920; Si sbarca a New York, 1930). 
Martìni, Ferdinàndo (Firenze 1841-Monsummano 1928) Uomo politico e scrittore. Deputato della sinistra liberale (1874), più volte ministro e infine senatore, fu anche governatore dell'Eritrea dal 1897 al 1900. Fondò e diresse i giornali Fanfulla della Domenica (1879) e la Domenica Letteraria. I suoi articoli furono pubblicati anche nelle raccolte Fra un sigaro e l'altro (1876), Di palo in frasca (1891) e Simpatie (1900). 
Martìni, Francésco di Giórgio (Siena 1439-Siena 1502) Scultore, architetto e pittore. Iniziò come pittore a Siena e dal 1477 al 1489 fu a Urbino alla corte di Federico da Montefeltro, distinguendosi soprattutto per le opere architettoniche, tra le più importanti dell'epoca. Reinterpretò, sulla base di un personale classicismo, i valori della tradizione senese. Tra le opere principali, la chiesa di Santa Maria delle Grazie al Calcinaio, nei pressi di Cortona (1485), il palazzo della Signoria a Jesi e le rocche di Sassocorvaro e di San Leo (1479). I suoi concetti architettonici sono descritti nel Trattato di architettura civile e militare
Martìni, Giovànni Battìsta (Bologna 1706-1784) Compositore. È autore, tra l'altro, di composizioni sacre, strumentali e opere buffe. 
Martìni, Simóne (Siena 1284?-Avignone 1344) Pittore. Frequentò la bottega di Duccio di Buoninsegna a Siena, a contatto con le novità di Giotto, e divenne famoso con la MaestÓ (1315, palazzo Pubblico di Siena) e con le Storie di San Martino (1322-1326, chiesa inferiore di Assisi). Nel 1366 andò ad Avignone alla corte papale di Benedetto XII. A contatto con l'eleganza del gotico francese, le sue opere anticiparono le scuole gotiche internazionali. Le opere principali sono, l'Annunciazione (1333, Galleria degli Uffizi, Firenze), le Storie della passione (1336-1340, Museo del Louvre, Parigi), le Storie del beato Agostino Novello e Ludovico da Tolosa incorona Roberto d'Angi˛ (1317, Napoli, Museo e Galleria Nazionale di Capodimonte). 
Martìni, Vincènzo (Firenze 1803-Monsummano, Pistoia 1862) Autore teatrale. I temi dei suoi lavori sono quelli della commedia borghese, talvolta sconfinante nel dramma romantico. Tra le opere, Una donna di quarant'anni (1853), Il marito e l'amante (1855) e Diplomazia di una madre (postuma, 1876). 
Martiniàcee Famiglia di piante erbacee, appartenente all'ordine delle Tubiflore, originarie dell'America tropicale. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)