Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

Enciclopedia

Minzóni, Giovànni (Ravenna 1985-Argenta 1923) Arciprete di Argenta e membro del Partito popolare. Il 23 agosto 1923 morì assassinato in un agguato fascista. 
mìo, agg., pron. e sm. agg. e pron. poss. 1 Relativo a me, che appartiene a me, fatto da me. 2 Che mi è caratteristico. non puoi criticare sempre i miei difetti
sm. 1 Ciò che mi appartiene. ci ho rimesso del mio per concludere quell'affare, ha rimesso parte del suo patrimonio. 2 Opinione. volevo dire la mia, ma mi trattenni dal farlo
Mio amore eri tu, Il Film drammatico, americano (1936). Regia di Goerge Fitzmaurice. Interpreti: Jean Harlow, Cary Grant, Franchot Tone. Titolo originale: Suzy 
Mio Carso, Il Prosa di S. Slataper (1912). 
Mio piede sinistro, Il Film drammatico, irlandese (1989). Regia di Jim Sheridan. Interpreti: Daniel Day Lewis, Brenda Fricker, Ruth McCabe. Titolo originale: My Left Foot 
Mio zio Film comico, francese (1959). Regia di Jacques Tati. Interpreti: Jacques Tati, Jean-Paul Zola, Adrienne Servantie. Titolo originale: Mon oncle 
mioatonìa, sf. Diminuzione o assenza di tonicità muscolare. 
mioblàsto, sm. Cellula dell'embrione che si trasformerà in cellula muscolare. 
miocardìa, sf. Affezione cronica del miocardio. ~ miocardite. 
miocàrdio, sm. La massa del muscolo cardiaco, composta da fibre striate e ricoperta internamente dall'endocardio ed esternamente dall'epicardio. Il miocardio è un muscolo involontario, simile alle fibre volontarie da cui differisce poiché le fibre formano una maglia plessiforme e poiché il nucleo delle cellule è al centro della fibra. 
Infarto miocardico acuto (IMA) 
L'IMA si verifica quando parte del tessuto cardiaco muore a causa della mancanza di ossigeno determinata da un inadeguato flusso sanguigno nelle arterie coronarie, ristrette a causa di malattia arteriosclerotica. L'IMA rappresenta una delle maggiori cause di morte nel mondo occidentale. Nei casi più gravi è una delle cause di morte improvvisa che si verifica entro breve tempo dall'insorgenza dei sintomi. L'IMA è una condizione dove un tempestivo riconoscimento del quadro patologico e una pronta messa in opera delle manovre rianimatorie appropriate fino al trasferimento in ospedale potrebbero salvare molte vite. 
A volte si confondono i primi sintomi con quelli di un'indigestione. È importante indagare sull'aspetto del dolore (ricordare, però che alcuni episodi infartuali possono evolvere anche senza sintomatologia dolorosa). Si localizza nella regione sternale, con irradiazioni alla spalla e al braccio sinistro o a entrambi, al collo, alla mascella, alla mandibola, alla parte superiore della schiena, alla parte superiore mediana dell'addome. Ovviamente non tutte le localizzazioni si verificano contemporaneamente nello stesso soggetto. A volte l'unico segno è dato da un senso di malessere alla spalla, oppure alla mandibola e ai denti ecc. Oltre al dolore il soggetto colpito da IMA potrebbe presentare senso di nausea, respiro breve e affannoso, tosse con sputi, sudorazione, tachicardia, irritabilità, depressione, senso di catastrofe imminente. Tipicamente il riposo non riduce il dolore, il quale può durare anche ore. Il soggetto può andare rapidamente incontro a una situazione di shock. Se si ha anche solo il sospetto di un IMA, chiedere subito l'invio di mezzi di soccorso per un eventuale trasporto del soggetto in un'Unità Coronarica. Nel frattempo osservare attentamente la vittima, stando pronti a intervenire con le manovre di rianimazione. 
L'aspetto preventivo rappresenta un capitolo molto importante nel quadro delle patologie cardio-circolatorie. Infatti è stato ormai accertato da numerosi studi e ricerche che esistono alcune condizioni che aumentano, anche di molto, il rischio di andare incontro a questo tipo di patologie. Tra essi si possono ricordare: il fumo di sigaretta, l'ipertensione arteriosa, l'obesità, la sedentarietà, l'eccessivo tasso di colesterolo e di grassi in genere. Risulta chiaro, quindi, come una vita sana e attiva e un'alimentazione corretta ed equilibrata possano contribuire a prevenire di molto questo tipo di patologie. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)