Novità del sito: Tratte aeree italiane

Enciclopedia

musicomanìa, sf. Passione maniacale per la musica. 
musicoterapìa, sf. Cura mediante la musica. 
Musil, Robert (Klagenfurt 1880-Ginevra 1942) Scrittore austriaco. Frequentò prima l'accademia militare, poi, dopo aver studiato ingegneria a Brno, si trasferì all'università di Berlino dove si laureò in filosofia. Nel 1906 scrisse I turbamenti del giovane Törless. Il successo di questo primo breve romanzo lo convinse a dedicarsi alla letteratura. Seguirono due raccolte di novelle, Unioni (1911) e Tre donne (1924), e due lavori per il teatro, I fanatici (1921) e Vincenzo e l'amica degli uomini importanti (1924). Successivamente, a Berlino, svolse l'incarico di critico teatrale (1931-1933) per alcuni giornali. Con l'annessione dell'Austria alla Germania, nel 1938 si trasferì esule in Svizzera dove, aiutato economicamente dagli amici, si dedicò all'elaborazione del suo romanzo L'uomo senza qualità (1930-1943) già iniziato in precedenza. Morì in povertà. Il romanzo è considerato uno dei capolavori della letteratura europea di questo secolo. Il protagonista dell'opera è un uomo vittima delle proprie qualità: dotato di innumerevoli qualità, nessuna delle quali risulta prevalere sulle altre, è incapace di indirizzarle a uno scopo. Specchio della crisi della società viennese e dei valori del mondo occidentale, l'opera, che utilizza numerosi modi narrativi (descrittivo, lettere, dialogo, monologo interiore) è stata paragonata a un labirinto con sottilissimi fili che legano i suoi simboli, ma sostanzialmente inafferrabile nel suo significato. 
Musìle di Piàve Comune in provincia di Venezia (9.740 ab., CAP 30024, TEL. 0421). 
musìvo, agg. Relativo a mosaico. 
musmè, sf. invar. Termine italiano derivato dal giapponese musume (ragazza) che viene usato a volte per indicare le donne delle case da tè giapponesi. 
mùso, sm. 1 La parte anteriore della testa degli animali. ~ grugno, ghigna. 2 Il viso dell'uomo. ~ faccia. dire una cosa sul muso, apertamente senza giri di parole. 3 Parte anteriore di apparecchi meccanici. il muso dell'aereo
Musòcco Sobborgo di Milano situato nella zona nordoccidentale della città, della quale fa parte dal 1923, che ospita il Cimitero maggiore. 
musòfaga, sf. (pl.-ghe) Genere di Uccelli cuculiformi, appartenenti alla famiglia dei Musofagidi, dalla coda corta e arrotondata e con un robusto becco incurvato sulla punta. 
musóne, sm. Chi per abitudine tiene il broncio. ~ accigliato. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)