Novità del sito: Tratte aeree italiane

Enciclopedia

Mussolènte Comune in provincia di Vicenza (6.059 ab., CAP 36065, TEL. 0424). 
mussolìna, sf. 1 Mussola. 2 Nell'industria chimica, vetro stampato e inciso con i disegni tipici della mussola. 
Mussolìni, Benìto (Dovia di Predappio 1883-Giulino di Mezzegra 1945). Figlio di Alessandro, fabbro anarchico e di Rosa Maltoni, maestra elementare. Nel 1901 iniziò la propria attività politica nel partito socialista e nel 1902 dovette rifugiarsi in Svizzera perché renitente alla leva. Da qui fu espulso per attività di propaganda tra gli emigrati. Un'amnistia gli permise di rientrare in Italia nel 1909 e, prestato il servizio militare, si dedicò all'insegnamento, avvicinandosi intanto politicamente al sindacalismo rivoluzionario. Fu responsabile della camera del lavoro di Trento e diresse il quotidiano L'avvenire del lavoratore. Espulso dal Trentino, divenne a Forlì segretario della sezione del Partito socialista. Nel 1912, grazie al grande successo decretatogli dal congresso, divenne direttore dell'Avanti!, ma, per la posizione interventista tenuta nella prima guerra mondiale fu allontanato dal giornale ed espulso dal Partito socialista. Con l'appoggio di ambienti finanziari e industriali fondò un nuovo quotidiano: Il Popolo d'Italia (1914), favorevole all'intervento. Durante la guerra accentuò il proprio orientamento nazionalista e il 23 marzo 1919, a Milano, fondò i Fasci di combattimento, assumendo una politica sempre più di destra, che gli valse l'appoggio della piccola borghesia, degli industriali e dei proprietari terrieri favorevoli alle sue posizioni antisindacali, contrarie al movimento operaio. Fu eletto deputato nel 1921 e, trasformato il movimento in partito, organizzò la marcia su Roma (28 ottobre 1922), forzando Vittorio Emanuele III ad affidargli l'incarico di formare il nuovo governo. Mentre le squadre fasciste accentuavano sempre più la violenza nella contrapposizione contro le organizzazioni di sinistra, approfittando della debolezza della classe dirigente liberale iniziò il processo di cancellazione delle libertà costituzionali e di formazione di un regime dittatoriale. Nel 1923 formò la Milizia volontaria per la sicurezza nazionale, nel 1924, con una legge elettorale maggioritaria, ottenne la maggioranza assoluta in parlamento e, lasciate alle spalle le difficoltà causate dall'assassinio del parlamentare socialista G. Matteotti, nel 1925 annunciò la trasformazione dello stato da regime costituzionale a regime fascista. Nel 1929 stipulò con il Vaticano i patti lateranensi. Il successo fu mediato anche sfruttando le doti di trascinatore e utilizzando in modo spregiudicato i mezzi di comunicazione: le retoriche esaltazioni della romanità e gli atteggiamenti spavaldi ne sono testimonianza. Dopo aver cercato di assumere in politica estera un ruolo di mediatore, opponendosi nel 1934 all'annessione dell'Austria da parte della Germania, e addirittura mobilitando l'esercito a tale scopo e alleandosi con Francia e Inghilterra, decise di accentuare la posizione dell'Italia come protagonista sulla scena internazionale, avviando la guerra d'Etiopia per la conquista dell'impero (1935-1936) e appoggiando i franchisti nella guerra civile spagnola (1936-1939). Si allontanò così sempre più da Francia e Inghilterra, avvicinandosi invece alla Germania di Hitler. Nel 1938 l'annessione dell'Austria veniva accettata e iniziava la guerra d'Albania. Nonostante il Patto d'acciaio con la Germania (1939), Mussolini mantenne inizialmente una posizione neutrale nella seconda guerra mondiale, ma successivamente, credendo che la guerra fosse ormai risolta a favore dei tedeschi e temendo di non partecipare come protagonista al nuovo ordinamento europeo, decise l'ingresso dell'Italia in guerra: tale decisione andava contro il parere sfavorevole dei militari, del regime e della stessa monarchia. Durante la guerra assunse spesso iniziative dettate più dalla ricerca del risultato di prestigio che dall'opportunità militare, come la spedizione in Grecia e la decisione di inviare truppe sul fronte orientale. I pesanti insuccessi militari e la crescente impopolarità del regime spinsero la monarchia e i militari, d'accordo con alcuni gerarchi fascisti, al colpo di stato con la riunione del Gran Consiglio fascista del 25 luglio 1943, alla quale seguì la sua destituzione e la prigionia a Campo Imperatore. Il 12 settembre 1943 fu però liberato da paracadutisti tedeschi e portato in Germania. Rientrato in Italia, fondò la Repubblica sociale italiana. Il 25 aprile 1945 scoppiò l'insurrezione partigiana nell'Italia settentrionale e Mussolini tentò di prendere contatti con il Comitato di liberazione nazionale che coordinava la resistenza armata. Fallito il tentativo, cercò di fuggire in Svizzera, ma fu catturato a Dongo (28 aprile 1945) dai partigiani e fucilato. 
Mussomèli Comune in provincia di Caltanissetta (11.537 ab., CAP 93014, TEL. 0924). Centro agricolo (coltivazione di olive e cereali), dell'estrazione di salgemma e industriale (prodotti alimentari). Vi si trova un castello in stile gotico-normanno, costruito nel XIV sec. Gli abitanti sono detti Mussomelesi
Mussomèli Comune in provincia di Caltanissetta (11.537 ab., CAP 93014, TEL. 0924). Centro agricolo (coltivazione di olive e cereali), dell'estrazione di salgemma e industriale (prodotti alimentari). Vi si trova un castello in stile gotico-normanno, costruito nel XIV sec. Gli abitanti sono detti Mussomelesi
mussuràna, sf. Nome volgare della Clelia clelia, un rettile ofide dell'America meridionale, appartenente alla famiglia dei Colubridi, che ha abitudini notturne e si nutre di serpenti, soprattutto velenosi. 
must, sm. invar. Cosa indispensabile, o considerata tale. 
mustàcchio, sm. Baffo lungo e folto. 
Mustafà Nome di sultani. 
MustafÓ I 
(Manisa 1591-Costantinopoli 1639) Figlio di Maometto II fu sultano ottomano nel 1617 e nel 1618, quindi fu deposto, tornò sul trono nel 1622 e 1623 e venne definitivamente sostituito dal nipote Murad IV. 
MustafÓ II 
(Costantinopoli 1664-1703) Nipote di Ahmed II, sultano ottomano dal 1695. Eugenio di Savoia lo sconfisse nel 1697 a Zenta, costringendolo a firmare due anni più tardi, la pace di Carlowitz. I giannizzeri lo costrinsero nel 1703 ad abdicare in favore del fratello Ahmed III. 
MustafÓ III 
(Costantinopoli 1717-1774) Succedette a Osman III come sultano ottomano dal 1757. Pressioni di corte lo costrinsero nel 1778 a dichiarare guerra alla Russia. Venne battuto e il suo successore, nel 1774, dovette firmare la onerosa pace di Kuçuk-Kainarge. 
MustafÓ IV 
(Istanbul 1779-1808) Succedette a Selim III come sultano ottomano nel 1807 e ricominciò la guerra contro la Russia. Venne destituito e sostituito da Mahmud II. 
Mustafà Kemal (Salonicco 1880-Istanbul 1938) detto Atatürk. Uomo politico turco. La sua carriera militare culminò con il successo di Anafarta (1915) che segnò la vittoria degli alleati nei Dardanelli. Dopo l'occupazione da parte delle potenze europee di alcuni territori in Anatolia, maturò la consapevolezza che, facendo leva sul sentimento nazionale dei turchi, avrebbe potuto creare un nuovo e moderno stato. Nei congressi di Erzurum e Sivas (1919) sostenne la necessità di resistere all'occupazione e l'Assemblea nazionale di Ankara lo nominò capo dell'esecutivo (23 aprile 1920). Scacciò gli armeni, i curdi, i francesi e gli italiani, giungendo a deporre il sultano Maometto IV (novembre 1922); l'anno successivo divenne presidente della repubblica (29 ottobre). Incominciò il processo di occidentalizzazione, adottando il codice civile svizzero (1926), il calendario gregoriano, il sistema metrico decimale e l'alfabeto latino (1929) e migliorando la condizione femminile. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)