Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

aromatizzazióne, sf. 1 L'aromatizzare. 2 In petrolchimica, procedimento chimico che trasforma un idrocarburo paraffinico o idroaromatico in aromatico. 
Aromi di leggenda Opera di poesia di R. M. del Valle-Incl´n (1906). 
Aron, Raymond (Parigi 1905-1983) Filosofo. Tra le opere Introduzione alla filosofia della storia (1938) e La societÓ industriale (1962). 
Aróna Comune in provincia di Novara (15.543 ab., CAP 28041, TEL. 0322). Centro industriale (prodotti meccanici) e turistico sul lago Maggiore. Vi si trova la statua in rame e bronzo chiamata San Carlone, dedicata a San Carlo Borromeo che qui nacque nel 1538. Gli abitanti sono detti Aronesi
Arònne (sec. XIII a. C.) Personaggio biblico. Fratello maggiore di Mosè lo seguì nel deserto e sul Sinai. Cedette tuttavia alle richieste idolatre del popolo e concesse la fabbricazione del vitello d'oro e per questo non poté entrare nella terra promessa e perì nel deserto. Fu capostipite della tribù sacerdotale dei Levi. 
Aròsio Comune in provincia di Como (4.271 ab., CAP 22060, TEL. 031). 
Arp, Hans (Strasburgo 1887-Basilea 1966) Scultore e pittore tedesco. Tra le opere Ritratto di Tristan Tzara (1916, Ginevra, Musée d'Art et d'Histoire), Corona di gemme (1947, Venezia Collezione Guggenheim) e Pastore di nuvole (1949-1953, Caracas, Università). 
àrpa, sf. Strumento musicale di antichissima origine orientale; nell'area sumero mesopotamica e presso gli egiziani, era già in uso fin dal 3000 a. C. Ha una struttura triangolare in cui sono comprese corde di diversa lunghezza, che si tendono tra una cassa armonica e una mensola. C. Monteverdi la inserì nell'orchestra nel XVII sec. L'arpa moderna, costruita da S. Erard nel 1812, consta di quarantasette corde e sette pedali che consentono di realizzare scale cromatiche con un'estensione di più di sei ottave. 
Arpa birmana, L' Film drammatico, giapponese (1956). Regia di Kon Ichikawa. Interpreti: Shoy Tasui, Tatsuya Mihashi, Yunosyke Ito. Titolo originale: Biruma no tategoto 
Arpa d'erba Romanzo di T. Capote (1951). 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)