Novità del sito: Cerca le coordinate geografiche su Google Maps

Enciclopedia

sacrococcigèo, agg. Che si riferisce al sacro e al coccige. 
Legamenti sacrococcigei 
Fasci fibrosi che collegano il sacro al coccige. 
Sacrofàno Comune in provincia di Roma (4.475 ab., CAP 00060, TEL. 06). 
sacroilìaco, agg. (pl. m.-ci) Che si riferisce al sacro e all'osso iliaco. 
Articolazione sacroiliaco 
Anfiartrosi che collega il sacro all'osso iliaco. 
Legamenti sacroiliaci 
Fasci fibrosi che uniscono il sacro e l'osso iliaco. 
sacrosànto, agg. 1 Rafforzativo di sacro (e inviolabile). 2 Assolutamente corretto, indubitabile. 
Sàdali Comune in provincia di Nuoro (1.206 ab., CAP 08030, TEL. 0782). 
Sadat, Anwar (Mit Abu el-Kom 1918-Cairo 1981) Politico egiziano. Ministro nel governo Nasser, alla morte di questi fu eletto presidente (1970). Dopo l'esito, parzialmente vittorioso, della guerra del Kippur (1973) contro Israele, sottoscrisse, con il premier israeliano Begin, la pace di Camp David (1978), iniziativa che procurò a entrambi il premio Nobel per la pace. Fu assassinato in un attentato, nel 1981, a opera di integralisti islamici. 
sadducèo, sm. Il termine indica i seguaci della seconda scuola filosofica giudaica (l'altra era quella dei farisei) che negava la fede nell'aldilà, nella resurrezione, nell'esistenza degli angeli e nell'immortalità dell'anima; praticava un'interpretazione individuale della Legge, la libera condotta morale e il compromesso politico. I sadducei sostenevano di essere discendenti dal sommo sacerdote Sadoc (dell'epoca di Salomone). In realtà i veri detentori di questo titolo si ritirarono a Leontopoli e a Qumran. La disposizione alla collaborazione politica portò i sadducei in auge durante l'occupazione romana, quando erano essi a nominare i sommi sacerdoti. Poiché il partito dei sadducei era legato al sussistere di stato e tempio, esso venne meno nel 70, dopo la distruzione del tempio di Gerusalemme. 
Sade prossimo mio Saggio di P. Klossowski (1947). 
Sade, Donatien-Alphonse-François (Parigi 1740-Charenton 1814) Detto il marchese di Sade, scrittore francese. La sua vita dissoluta e le sue opere licenziose, gli procurarono scandali, processi, lunghi periodi di detenzione e si concluse con la reclusione nel manicomio di Charenton. Durante la prigionia scrisse gran parte delle sue opere, alcune delle quali ancora inedite. Tra le opere principali, Dialogo di un prete e un moribondo (1782), Le 120 giornate di Sodoma (1782-1785), Justine o i guai della virtý (1791), Aline e Valcour (1795), La filosofia nel boudoir (1795), I crimini dell'amore (1800). 
sàdico, agg. e sm. (pl.-ci) agg. Del sadismo. <> masochistico. 
sm. Chi manifesta sadismo. ~ crudele. 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)