Enciclopedia

saràcco, sm. (pl.-chi) Tipo di sega a forma trapezoidale. 
Saràcco, Giusèppe (Bistagno 1821-1907) Politico. Nel 1900 e 1901 fu a capo di un governo di transizione succedendo come presidente del consiglio a L. Pelloux. Durante questo governo, il 29 luglio 1900, venne assassinato re Umberto I. 
Saracèna Comune in provincia di Cosenza (4.522 ab., CAP 87010, TEL. 0981). 
Saracèni, Càrlo (Venezia 1579-1620) Pittore. Tra le opere Predica di San Raimondo (ca. 1614, Roma, Santa Maria della Mercede). 
saracèno, agg. e sm. agg. Termine con cui ci si riferiva genericamente a ciò che riguardava i musulmani. ~ arabo, levantino. 
sm. Musulmano. 
Saracéno, pùnta dèl Promontorio in provincia di Trapani, che si protende nel mar Tirreno, fra Trapani e San Vito Lo Capo. 
saracinésca, sf. (pl.-che) 1 Porta metallica scorrevole fra due scanalature. ~ serranda. 2 Regolatore del flusso di un canale. 
Saracinésco Comune in provincia di Roma (176 ab., CAP 00020, TEL. 0774). 
Saracinésco Comune in provincia di Roma (176 ab., CAP 00020, TEL. 0774). 
Sàragat, Giusèppe (Torino 1898-Roma 1988) Politico. Militante socialista, durante il fascismo fu esule in Francia e in Austria. Rientrato in Italia nel 1943 partecipò alla resistenza e nel 1946-1947 fu presidente dell'assemblea costituente. Oppositore dell'alleanza con i comunisti, fu l'artefice massimo della scissione (palazzo Barberini, 1947), dell'ala socialdemocratica del PSI, fondando il Partito socialista dei lavoratori italiani, divenuto poi il PSDI. Più volte ministro e vicepresidente del consiglio, ricoprì la carica di presidente della repubblica dal 1964 al 1971. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)