Novità del sito: Mappe antiche

sìllaba, sf.Unità fonica minima articolabile in modo autonomo, ottenuta dalla scomposizione di una parola. Nella linguistica tradizionale, la sillaba è costituita da un apice di sonorità (punto vocalico), costituito da una vocale o da un dittongo (in alcune lingue può essere costituito anche da una consonante l, m, n, r che può assumere la funzione di vocale, per esempio, krk, cioè collo nella lingua ceca). Le sillabe si distinguono in aperte e chiuse; aperte quando terminano con l'apice sillabico, chiuse quando terminano con un suono di minore intensità sonora rispetto all'apice. Le sillabe chiuse hanno durata solitamente doppia rispetto a quelle aperte e vengono generalmente chiamate lunghe. 
sillabàre, v. tr.Separare le parole in sillabe. ~ compitare, scandire. 
sillabàrio, sm.Testo che insegna a sillabare. 
Sillabario 1Racconto di G. Parise (1972). 
Sillabario 2Racconto di G. Parise (1982). 
sillabazióne, sm.L'atto di sillabare. 
sillabicaménte, avv.Mediante sillabe. 
sillàbico, agg.(pl. m.-ci) Relativo alle sillabe, costituito da una sillaba. insegnamento sillabico, basato sulla sillabazione. 
sìllabo, sm.1 Repertorio. 2 Documento scritto da papa Pio IX nel 1864, indicante aspetti moralmente da condannare. 
SillànoComune in provincia di Lucca (792 ab., CAP 55030, TEL. 0583). 
Sillanpää, Frans Eemil(Hämeenkyrö 1888-Helsinki 1964) Romanziere finlandese. Tra le opere La vita e il sole (1916) e Gente nella notte d'estate (1934). 
SìllaroFiume (73 km) dell'Emilia Romagna. Nasce nell'Appennino Tosco-Emiliano, dal monte Tre Poggioli, e confluisce nel Reno. 
SillavéngoComune in provincia di Novara (588 ab., CAP 28060, TEL. 0321). 
sillèssi, sf. invar.Frase errata dal punto di vista grammaticale ma che ha un significato. 
SìllidiFamiglia di Anellidi policheti erranti con peristomio provvisto di due paia di cirri tentacolari e parapodi non ramificati. 
sillimanìte, sf.Silicato di alluminio che si presenta in cristalli rombici. 
Sillitoe, Alan(Nottingham 1928-) Scrittore inglese. Tra le opere Sabato notte e domenica mattina (1958) e La solitudine del maratoneta (1959). 
sìllo, sm.Forma di componimento satirico in versi. 
sìlloge, sf.Raccolta antologica di brani scritti. ~ epitome, miscellanea. 
sillogìsmo, sm.Ragionamento composto da tre proposizioni collegate tra loro in modo che dalle prime due, la maggiore e la minore, se ne ricava una terza, detta conclusione (es.: o A o B, B, quindi non A; ogni A è B, C è A, quindi C è A). Il termine sillogismo, con il solo significato di ragionamento, si trova già all'epoca di Platone, ma solo Aristotele gli dette il significato che ha tuttora. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)