Novità del sito: Mappe antiche

stiracalzóni, sm. invar. Arnese costituito da una pressa in cui vengono infilati i calzoni per un certo tempo, allo scopo di mantenerli con la piega. 
stiracchiaménto, sm. Lo stiracchiare o stiracchiarsi. 
stiracchiàre, v. v. tr. 1 Distendere poco alla volta. 2 Interpretare in modo forzato un concetto. 3 Contrattare il prezzo. 
v. rifl. Sgranchirsi le membra, distendendole in modo scomposto. 
stiracchiàto, agg. Non spontaneo, forzato. 
stiracchiatùra, sf. Forzatura nell'interpretazione. 
stiràggio, sm. (pl.-i) L'atto di ridurre in piastre sottili, in fili, in tubi una pasta di vetro. 
stiraménto, sm. 1 L'atto dello stirare o stirarsi. 2 Lesione al muscolo. 
stiràre, v. v. tr. 1 Distendere con forza un oggetto, tirandolo. 2 Distendere i panni, passandovi un ferro caldo. chiese alla donna di servizio di stirare meglio i colletti delle camicie
v. rifl. Sgranchirsi le membra, distendendole. non faceva altro che stirarsi tutto il giorno
stiràto, agg. 1 Piegato tramite stiratura. 2 Tirato, spianato. 
stiratóio, sm. 1 Macchina utilizzata per stendere il filato durante le fasi di lavorazione in modo che mantenga uno spessore uniforme. 2 Piano da disegno. 
stiratrìce, agg. e sf. agg. Che stira. 
sf. 1 Macchina che permette di stirare. 2 Donna che stira abiti per lavoro 
stiratùra, sf. 1 L'atto di stirare e il relativo effetto. 2 Stiramento muscolare. 
stirerìa, sf. Locale in cui viene svolta la stiratura degli abiti. 
Stìria Regione storico-geografica (16.387 km2, 1.180.000 ab.) dell'Austria, con capitale Graz, al confine con la Slovenia. Con territorio prevalentemente montuoso, è situata tra le Alpi Stiriane, i Bassi Tauri e il Salzkammergut a nord e, più a sud le catene prealpine. È attraversata dai fiumi Mürz, Mur, Raab ed Enns che confluiscono nel Danubio. Risorse economiche sono l'agricoltura (foraggi, patate, cereali, viti, tabacco, barbabietola da zucchero), l'allevamento bovino, lo sfruttamento delle foreste, le industrie estrattive (salgemma, lignite, minerali ferrosi), gli impianti idroelettrici, le industrie (meccaniche, siderurgiche, tessili, alimentari, elettrotecniche, del legno e della carta) e il turismo. Divisa, in epoca romana, fra il Norico e la Pannonia, soggetta a incursioni e occupazioni da parte di popoli diversi, fu cristianizzata nel IV sec. e nel 1180 Federico Barbarossa la costituì in ducato; assegnata alla casata dei Bebenberg fino al 1246. Dal 1282 passò agli Asburgo. Nel 1564, dopo aver subito frequenti incursioni ottomane, fu costituita in ducato autonomo. Seguì quindi le sorti dell'impero austro-ungarico e nel 1920 divenne un land dell'Austria. 
Stirling, James (Glasgow 1926-) Architetto inglese. Tra le opere i laboratori della Facoltà di Ingegneria a Leicester (1959-1963) e la Neue Staatsgalerie a Stoccarda (1979-1984). 
Stirner, Max (Bayreuth 1806-Berlino 1856) Pseudonimo del filosofo tedesco Johann Kaspar Schmidt. Rappresentante della sinistra hegeliana, considera pura astrazione tutto ciò che è al di fuori del soggetto. Tra le opere Der Einzige und sein Eigentum (Il singolo e la sua proprietÓ, 1854). 
stìro, sm. 1 Lo stirare la biancheria. 2 Nella locuzione da stiro, per stirare. 
stìrpe, sf. Ceppo, origine di una famiglia. ~ progenie, discendanza. <> capostipite. 
Stirpe dei falconieri, La Romanzo di M. Sadoveanu (1912-1913). 
stitichézza, sf. 1 Difficoltà nell'espellere le feci. 2 Avarizia. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)