Novità del sito: Costo chilometrico e fringe benefit annuale

Enciclopedia

tachipsichìsmo, sm. Attività psichica che si riscontra particolarmente nei soggetti ipertiroidei e nei simpaticotonici, che si manifesta con una vivacità che si può esaurire rapidamente. 
Tachisùridi Famiglia di Pesci Siluriformi che vivono dalle coste indiane fino a quelle indonesiane. I maschi adulti incubano le uova nella cavità orale. 
tacitaménte, avv. 1 Silenziosamente. 2 Implicitamente. 
tacitaménto, sm. L'atto di tacitare. 
tacitàre, v. tr. 1 Far tacere, ridurre al silenzio. 2 Sedare, calmare. 
tacitiàno, agg. 1 Relativo alle opere, al pensiero di P. Cornelio Tacito. 2 Stringato e conciso. 
tacitìsmo, sm. sing. 1 Studio delle opere di Tacito. 2 Stile che imita quello di Tacito. 
tàcito, agg. 1 Che non parla, che resta in silenzio. 2 Che non è rumoroso. 3 Sottinteso, non manifestato esplicitamente. 
Tàcito, Màrco Clàudio Politico romano. Succedette ad Aureliano per volontà del senato come imperatore nel 275 e 276. Sconfisse i goti in Cilicia. 
Tàcito, Publio Cornèlio (55 ca-120 ca) Storico romano. Di estrazione facoltosa e nobile, ricevette un'accurata educazione e si affermò nell'arte oratoria. Divenne genero di Agricola e ricoprì le cariche di questore, pretore, console e proconsole d'Asia. Nel Dialogus de oratoribus individua le cause della decadenza dell'eloquenza nella degenerazione politica e nella perdita della libertà. Descrive nei quarantasei capitoli del De vita et moribus Iulii Agricolae la vita di Agricola e la conquista romana della Britannia. Nel trattato etnogeografico Germania fornisce ricche e dettagliate informazioni sui costumi dei germani. Produsse due grandi opere storiche divise in Historiae, di cui dei probabili dodici libri iniziali ci sono pervenuti i primi quattro e l'inizio del quinto e gli Annales in sedici libri di cui restano i primi e gli ultimi sei. La prima opera comprende gli avvenimenti dalla morte di Nerone a quella di Domiziano (69-96 d. C.), mentre la seconda raccoglie quelli compresi tra la morte di Augusto e quella di Nerone (16-68 d. C.). La sua opera rivela un'acutezza psicologica e un'incisività drammatica che si avvale di uno stile originale e duttile, ma nello stesso tempo asciutto e sobrio. Fu sostenitore del partito senatorio e accolse con pessimismo l'avvento degli imperatori, che rappresentavano per lui un ostacolo alla libertà e la vittoria del male. Vagheggiò invece la nascita di un principato che non escludesse la libertà. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)