Novità del sito: Covid19 - Contagi in Italia divisi per regione, provincia e giorno

Enciclopedia

Tarkovskij, Andrej Arsenevic (Mosca 1932-Parigi 1986) Regista cinematografico russo. Diresse Solaris (1972), Lo specchio (1974) e Sacrificio (1986). 
tarlàre, v. v. tr. Rodere. 
v. intr. pron. Essere roso dai tarli. 
tarlatàna, sf. Tessuto leggero di cotone. 
tarlàto, agg. 1 Roso dai tarli. ~ tarmato. 2 Pieno di piccoli buchi. ~ forato, sforacchiato. 
tarlatùra, sf. 1 Il complesso dei fori fatti dai tarli. 2 La segatura che esce da questi fori. 
tàrlo, sm. 1 Insetto che rode il legno, stoffe, carte. 2 Assillo che preoccupa. 
tàrma, sf. Insetto dei lepidotteri che ha dimensioni molto ridotte e che danneggia tessuti, imbottiture, tappeti ecc. 
tarmàre, v. v. tr. Rodere, guastare. 
v. intr. pron. Essere roso dalle tarme. 
tarmicìda, agg. e sm. agg. In grado di uccidere le tarme. 
sm. Sostanza in grado di uccidere le tarme. 
Tarn Dipartimento (343.000 ab.) della Francia meridionale, attraversato dal fiume omonimo. Capoluogo Albi. Situato tra il Massiccio Centrale e la conca dell'Aquitania, il suo territorio, montuoso e collinare, è coltivato in parte a boschi e pascoli e in parte a prodotti agricoli (cereali, frutta, vite e ortaggi). Sviluppato l'allevamento ovino. Nel dipartimento si trovano miniere di carbone. Le principali industrie sono quelle chimiche, metalmeccaniche, alimentari (formaggi), enologiche, calzaturiere e dell'abbigliamento. 
Tarn 
Fiume (375 km) della Francia meridionale. Nasce dalle Cevenne e confluisce nella Garonna. 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)