Novità del sito: Mappe antiche

Ti ricordi di Dolly Bell? Film commedia, jugoslavo (1980). Regia di Emir Kusturica. Interpreti: Slavko Stimac, Slobodan Aligrudic, Ljiliana Blagojevic. Titolo originale: Sjecas li se Dolly Bell? 
Ti ucciderò Romanzo di M. Spillane (1947). 
tìade, sf. Donna che partecipava a un rito orgiastico nell'antica Grecia. ~ baccante. 
tiamìna, sf. Vitamina B1 detta anche antineuritica, indispensabile per il metabolismo dei carboidrati. La sua influenza si estende anche al funzionamento del sistema nervoso e della corteccia surrenale. È contenuta nel lievito di birra e nel fegato. 
Tian Shan Sistema montuoso dell'Asia centrale, esteso dal Pamir al deserto dei Gobi. Vetta più elevata il Pik Pobedy (7.439 m). 
Tìana Comune in provincia di Nuoro (626 ab., CAP 08020, TEL. 0784). 
Tianijn (Tienstin) Città della Cina (5.620.000 ab.), capoluogo della municipalità omonima, circa 100 km a sud-est di Pechino. Porto fluviale sul Gran Canale e sullo Hai He. Importante centro commerciale. Fra le industrie importanti vi sono quelle alimentari, conciarie, del tabacco, del cemento, della carta. 
tiàra, sf. 1 Copricapo portato da vari popoli asiatici come segno di distinzione di autorità o nobiltà. ~ mitria. 2 Tiara pontificia, detta anche triregno, simbolo dei poteri del papa. ~ triregno. 
Tiaret Città (106.000 ab.) dell'Algeria, capoluogo del wilaya omonimo. 
Tiàridi Famiglia di Molluschi Gasteropodi Mesogasteropodi cui appartengono i generi Io e Pleurocera
Tiarìni, Alessàndro (Bologna 1577-1668) Pittore italiano. Discepolo di P. Fontana e B. Cesi, nel 1599 si trasferì a Firenze, dove rimase alla scuola del Passignano fino al 1606. Tra le sue opere, I funerali della Vergine (1615 Bologna, Pinacoteca), gli affreschi nella chiesa della Madonna della Ghiara (Reggio nell'Emilia, 1621-29) e in quella di Sant'Alessandro (Parma, 1627). 
Tiàrno di Sópra Comune in provincia di Trento (823 ab., CAP 38060, TEL. 0464). 
Tiàrno di Sótto Comune in provincia di Trento (594 ab., CAP 38060, TEL. 0464). 
tìaso, sm. Associazione che nell'antica Grecia si dedicava al culto di un Dio. 
Tibàldi, Pellegrìno (Puria in Valsolda 1527-Milano 1596) detto il Pellegrini. Architetto. Tra le opere il collegio Borromeo a Pavia (1564) e San Fedele a Milano (1569-1579). 
Tiberìade, làgo di Lago situato nella fossa del Ghor, in Palestina a-200 m con una superficie di 200 km2 ca. Celebre per i fatti ricordati dai Vangeli che si svolsero sulle sue rive. È detto anche lago di Genesaret, mare di Galilea o (dagli israeliani) Jam Kinnereth. 
Tiberìna Valle dell'Appennino Centrale, percorsa dal fiume Tevere. Centri principali sono: Sansepolcro e Città di Castello. 
Tiberìna, vìa Antica strada romana deviazione della via Flaminia. Si allontana da Prima Porta a Orticoli. 
tiberìno, agg. Relativo al Tevere. 
Tibèrio, Clàudio Neróne (Roma 42 a. C.-Miseno 37 d. C.) Imperatore romano. Figlio di Livia Drusilla e Tiberio Claudio Nerone e fratello di Druso, fu istruito nella casa del patrigno Augusto Ottaviano di cui divenne poi genero sposandone la figlia Giulia. Insignito della tribunicia potestas dopo le campagne militari in Pannonia, Germania e Dalmazia, succedette ad Augusto nel 14 d. C. originando la dinastia Giulia-Claudia. Abile diplomatico trasse vantaggio dalle lotte intestine di parti e germani; consolidò i confini dell'impero; accentuò il potere imperiale nei confronti del senato, ma dovette far fronte al conseguente malcontento dell'aristocrazia. Dopo la morte di Germanico, per paura di intrighi, si ritirò nel 26 a Capri da dove governò tramite Elio Seiano che però fece uccidere nel 31 quando seppe di una congiura da lui ordita. 
<< indice >>

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)