Enciclopedia

trapanatóre, sm. Chi lavora con il trapano. 
trapanatrìce, sf. Macchina che permette di eseguire trapanature. 
trapanatùra, sf. L'operazione del trapanare. 
trapanazióne, sf. Il trapanare. 
Tràpani Città siciliana (73.000 ab., CAP 91100, TEL. 0923) capoluogo della provincia omonima. Il comune si estende per 271,92 km2 su di un promontorio nella parte sudoccidentale dell'isola. La posizione sul mare ne fa un attivo porto peschereccio e consente l'estrazione del sale. Importante mercato agricolo e del bestiame, ha industrie delle paste alimentari, di lavorazione del pesce, enologiche, vetrarie, meccaniche, del corallo, tessili e del legno. Venne fondata dai sicani, poi fu conquistata dai cartaginesi che ne fecero una base navale (Drépanon). Dopo lunghi attacchi i romani riuscirono a battere i cartaginesi e occuparono la città nel 241 a. C. I monumenti risalgono soprattutto al periodo medievale (chiesa di Sant'Agostino, dell'Annunciata, di San Domenico) e barocco (palazzo Municipale, chiesa del Collegio, cattedrale). 
Provincia di Trapani 
La provincia si estende per 2.462 km2 e conta con i suoi 24 comuni 441.000 ab. per una densità abitativa di 179 ab./km2. Comprende l'estremità occidentale della Sicilia, con un territorio che va dal golfo di Castellammare fino al tratto inferiore del fiume Belice. Si presenta montuosa internamente, con tratti pianeggianti in prossimità della costa, al largo della quale si trovano le isole Egadi. Sono coltivati soprattutto viti, olivi e agrumi. È diffuso l'allevamento ovino e caprino. I ricchi fondali incrementano l'attività peschereccia. Numerose le saline. Presenti a Castelvetrano giacimenti di metano. Un'altra grande risorsa economica è rappresentata dal turismo balneare. Oltre al capoluogo le principali cittadine sono Mazara del Vallo, Marsala, Alcamo ed Erice. 
tràpano, sm. Macchina utensile che viene impiegata principalmente per praticare fori in vari materiali, ma anche per filettare, fresare, alesare, tornire ecc. È dotato di una punta che ha movimento di rotazione su se stessa e di avanzamento. Può essere portatile (trapano a mano o girabacchino e trapano elettrico) o fisso. Quest'ultimo può essere a colonna, costituito da un'incastellatura che porta un carrello con motore e mandrino per accogliere l'attrezzo e da una tavola portapezzi, e radiale o a bandiera, nel quale la testa motrice, eventualmente orientabile (universale), è fissata su un braccio detto bandiera, la cui altezza su di una colonna verticale è regolabile. 
trapassàre, v. v. tr. 1 Passare da parte a parte. 2 Varcare, oltrepassare. 3 Far trascorrere. 
v. intr. 1 Passare attraverso, oltre. 2 Morire. 3 Scorrere. 
trapassàto, agg. e sm. agg. Passato da parte a parte. 
sm. 1 Tempo grammaticale che indica un'azione precedente a un'azione passata. 2 Defunto, morto. 
trapàsso, sm. 1 Effetto del trapassare. 2 Morte. 
trapelàre, v. intr. 1 Filtrare attraverso sottili fenditure. 2 Affiorare tramite piccoli indizi. 


Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com (attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)