Enciclopedia

umbertìno, agg. Relativo al periodo in cui regnò Umberto I. 
Umbèrto Nome di sovrani. 
Umberto I 
(Torino 1844-Monza 1900) Figlio di Vittorio Emanuele II di Savoia e di Maria Adelaide di Asburgo-Lorena, gli succedette nel 1878. Di orientamento conservatore, emise decreti speciali con lo scopo di rafforzare il potere della corona. In politica estera sostenne la Triplice alleanza, contro la Francia e il tentativo di espansione coloniale in Africa promosso da Crispi. Dopo la sconfitta di Adua (1896), sedò con metodi repressivi i moti di rivolta contro il suo autoritarismo (moti di Milano del 1898). Fu ucciso da G. Bresci a Monza. 
Umberto II 
(Racconigi 1904-Ginevra 1983) Figlio di Vittorio Emanuele III e di Elena di Montenegro, nel 1944 fu nominato dal padre luogotenente generale del regno, assumendone di fatto il governo e ne divenne re il 4 giugno 1946, dopo l'abdicazione del padre. Sposò Maria José, figlia di Alberto I del Belgio. In seguito al referendum istituzionale e alla proclamazione della Repubblica italiana (13 giugno), dovette rinunciare alla carica e lasciare l'Italia. Si stabilì a Cascais, in Portogallo, con il titolo di conte di Sarre. 
Umberto Biancamano (?-1047 o 1048) Conte d'Aosta e primo conte di Moriana, fu vassallo di Rodolfo III di Borgogna e poi di Corrado II il Salico. Fu il capostipite dei Savoia. 
Umberto D. Film drammatico, italiano (1952). Regia di Vittorio De Sica. Interpreti: Carlo Battisti, Maria Pia Casilio. 
Umberto D. Film drammatico, italiano (1952). Regia di Vittorio De Sica. Interpreti: Carlo Battisti, Maria Pia Casilio. 
umbóne, sm. 1 Parte centrale anteriore dello scudo, che serviva come ornamento e come rinforzo. 2 In alcuni organi vegetali, protuberanza centrale circolare. 
umbracùlidi Genere di Molluschi opistobranchi notaspidei presenti esclusivamente nei mari temperati e caldi. Sono caratterizzati da un solo piede carnoso ovaliforme. 
umbràtile, agg. 1 Che è in ombra. ~ ombroso. 2 Solitario e schivo; timido, introverso. ~ appartato, ombroso. <> esuberante. 
Ùmbria Regione a statuto ordinario dell'Italia centrale, l'unica dell'Italia peninsulare a non affacciarsi al mare; confina a nord e a est con le Marche, a sud con il Lazio e a ovest e nord-ovest con la Toscana. 
Il territorio è interamente montuoso, appartenente al sistema appenninico. 
Lungo il confine orientale è orlata dagli Appennini Umbro-Marchigiani, che solo sporadicamente superano i 1.500 m di altitudine, e che continuano a sud nei monti Sibillini. 
La parte più occidentale del paese è invece occupata da una serie di rilievi minori, intervallati da ampi bacini intramontani. 
La regione è percorsa da nord a sud dal corso medio del Tevere, che raccoglie la maggior parte delle acque della regione (Chiasco, Nera e Paglia). 
In prossimità del confine con la Toscana si estende il lago Trasimeno, tra i maggiori della penisola. 
Il clima è di transizione da un clima continentale (data la distanza dal mare) e un clima sub-mediterraneo, dato che il benefico influsso del mar Tirreno penetra in profondità attraverso la valle del Tevere; ne consegue che gli inverni non sono troppo rigidi e le estati sono fresche e ventilate. 
Il capoluogo della regione è Perugia; l'altro capoluogo provinciale è Terni. 
L'agricoltura è da lungo tempo in una fase di crisi, controbilanciata da un maggiore sviluppo assunto dal settore industriale, particolarmente evidente in provincia di Terni (industria idroelettrica, siderurgica, meccanica, chimica e tessile), nonché nella zona di Perugia (industria alimentare, tessile e grafico editoriale). 
L'agricoltura tuttavia continua a produrre cereali, barbabietola da zucchero, patate, ortaggi, tabacco, vite e olivo; praticato l'allevamento e un discreto sfruttamento forestale. 
Una certa vivacità conserva l'artigianato locale, imperniato sulla lavorazione di ceramica, ricami, ferro battuto e intaglio del legno. 
Il turismo è in continuo aumento, potendo contare sia sulla bellezza naturalistica della zona, che su città ricche di storia e arte (Perugia, Orvieto, Spoleto, Assisi, Gubbio) nonché su numerose stazioni termali. 
Abitanti-804.054 
Superficie-8.456 km2 
Densità-95 ab./km2 
Capoluogo-Perugia 
Province (fra parentesi il numero di abitanti del capoluogo espresso in migliaia): Terni (107), Perugia (144) 
Umbriàtico Comune in provincia di Crotone (1.302 ab., CAP 88070, TEL. 0962). 


Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: info@blia.it
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)