Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

NO Bitcoin

Innovatore.it

Sixthlane

Road Trip Italy

Sandro Leggio

Centro Ibleo di Atletica Leggera

Logo ASD Libertas Acate
ASD Libertas Acate

Logo Blia.it

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

  

Novità del sito: Geo Post Code, il codice per identificare gli indirizzi

degassàggio, sm.(pl.-gi) 1 In chimica indica la rapida apertura dello stampo di oggetti di materia plastica che viene eseguita all'inizio della fase di indurimento. 2 In petrolchimica, estrazione degli idrocarburi gassosi da petrolio grezzo, benzine ecc. al fine di ridurre la pressione del vapore. 
degassaménto, sm.1 Estrazione dei gas disciolti in un liquido ottenuta mediante assorbimento da parte di una superficie o di un solido. 2 In metallurgia è l'eliminazione del gas presente in un pezzo solido o in un metallo fuso prima della colata. 
degassatóre, sm.1 Apparecchio atto a indicare la presenza di idrocarburi gassosi in detriti di perforazione o fanghi. 2 Apparecchio per estrarre i gas disciolti in un liquido. Viene usato specialmente nelle caldaie. 
degeneràre, v. intr.1 Cambiare in qualcosa di peggiore; pervertirsi, deteriorarsi. ~ degradare. 2 Di malattia che si complica diventando pericolosa. ~ peggiorare. <> migliorare. il cancro fa degenerare i tessuti. 3 Passare i limiti. la discussione degenerņ rapidamente, sfiorando la rissa. 4 Trasformarsi. l'indulgenza puņ degenerare in debolezza 
degeneràto, agg. e sm.Di persona il cui comportamento degenera; vizioso, corrotto. ~ depravato. <> retto. 
degenerazióne, sf.1 Degradazione, decadenza. ~ decadimento. 2 Modificazione, alterazione. ~ corruzione. 
degènere, agg.1 Che ha perduto le qualità originarie. ~ degenerato. 2 Corrotto, pervertito. ~ indegno. 
degènte, sm.Di persona che giace ammalata in ospedale. ~ paziente. <> dimesso, guarito. 
degènza, sf.Periodo di permanenza di un malato in letto o di ricovero in ospedale. ~ ricovero. 
degerminàre, v. tr.1 Rimuovere i germogli dalle patate che sono conservate al buio. 2 Togliere il germoglio dall'orzo che servirà per preparare il malto utilizzato per fabbricare la birra. 
deglabrazióne, sf.Caduta di peli e capelli tale da rendere glabra la parte del corpo interessata. 
deglaciazióne, sf.1 Ritiro dei ghiacciai. 2 Fase tra due glaciazioni. 
dégli, prep. art. m. pl.Composta da di e gli. 
Degli eroici furoriOpera di filosofia di G. Bruno (1585). 
Dégli Espòsti, Pièra(Bologna 1939-) Attrice cinematografica e teatrale. Interpretò Storia di Piera (1983). 
deglutinàre, v. tr.Eseguire una deglutinazione. 
deglutinazióne, sf.Fenomeno del linguaggio popolare che consiste nell'eliminazione di una parte iniziale e variabile di una parola perché scambiata per un articolo o simile. 
deglutìre, v. tr.Far passare gli alimenti dalla bocca all'esofago. ~ inghiottire. <> rigettare. 
deglutizióne, sf.Il deglutire. 
degnàre, v.v. tr. Giudicare degno. <> disdegnare. 
v. intr. pron. Accondiscendere a fare qualcosa. ~ consentire. <> negare. 
<< indice >>