Home page
mentìna, sf. Pasticca di menta. 
mentìre, v. intr. Dire il falso consapevolmente. ~ dire bugie. <> dire la verità. 
mentìsmo, sm. Successione di idee o di immagini che scorrono velocemente nell'individuo che, pur essendone conscio, non riesce a controllarle. 
mentitaménte, avv. In modo falso, bugiardo. 
mentìto, agg. Falso, simulato. 
mentitóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, o chi, mente. 
Mentitore, Il Romanzo di M. A. Hansen (1950). 
ménto, sm. La parte inferiore del viso. 
mentòlo, sm. Sostanza contenuta nella menta, usata in farmacologia e profumeria. 
mentóne, sm. Chetone terpenico; una sua varietà detta levogira è riscontrabile nell'essenza di menta. 
mentonièra, sf. Tavoletta concava che si applica alla base del violino e della viola e serve all'esecutore per appoggiarvi il mento. 
mèntore, sm. Precettore, guida, consigliere di fiducia (dal nome del consigliere di Ulisse). ~ consigliere. 
Mèntore Personaggio mitologico, re dei Tafi. Fu un saggio consigliere di Ulisse. 
mentovàre, v. tr. Far menzione di. ~ rammentare. 
méntre, cong. e sm. cong. 1 Nel tempo in cui. 2 Intanto che. 3 Laddove. ~ durante il tempo in cui. 
sm. invar. In quel momento. 
mentùccia, sf. Menta di profumo delicato e meno penetrante di altre varietà; è utilizzata come aromatizzante di frittate e di altri piatti. 
menù, sm. Lista delle vivande e dei vini disponibili in un ristorante. ~ carta. 
Menùridi Famiglia di Uccelli Passeriformi cui appartiene il genere Menura
Menzel, Adolf von (Breslavia 1815-Berlino 1905) Pittore tedesco. Tra le opere La camera del balcone (1845, Berlino, Gemäldegalerie). 
Menzel, Adolf von (Breslavia 1815-Berlino 1905) Pittore tedesco. Tra le opere La camera del balcone (1845, Berlino, Gemäldegalerie).