Home page
omelìa, sf. invar. 1 Sermone tenuto dal sacerdote nelle funzioni religiose. ~ predica. 2 Discorso noioso. 
omènto, sm. 1 Membrana che avvolge l'intestino. 2 Pieghe del peritoneo. 
omeo- Primo elemento di parole composte. 
omeomerìe Secondo la filosofia di Anassagora, le particelle elementari che compongono la realtà. 
omeomorfìsmo, sf. In cristallografia, fenomeno per il quale sostanze diverse dal punto di vista chimico possono cristallizzare in forme simili. 
omeomòrfo, agg. Che presenta il fenomeno dell'omeomorfismo. 
omeòpata, sm. e sf. Medico che pratica l'omeopatia. 
omeopatìa, sf. Metodo terapeutico basato sull'impiego di minime quantità di composti, di origine vegetale, animale o minerale, che, in dosi normali, produrrebbero effetti simili all'affezione da curare, secondo il principio che ogni malattia dovrebbe essere curata con agenti simili a quelli che l'hanno provocata. In questo modo, si provocherebbe l'insorgenza di una malattia più debole di quella originaria, stimolando le difese dell'organismo e la sua capacità di guarigione. Fu sviluppata dal medico tedesco S. Hahnemann verso la fine del XVIII sec. ed è tuttora praticata in molti paesi, nonostante non sia riconosciuta dalla medicina ufficiale. 
omeopàtico, agg. e sm. agg. Che concerne l'omeopatia. 
sm. Chi cura con il metodo dell'omeopatia. 
omeopolàre, agg. 1 Di composto i cui atomi sono uniti da legami covalenti. 2 Dei legami che caratterizzano un composto omeopolare. 
omeopòlio, sm. Forma di mercato in cui i venditori offrono beni uguali dal punto di vista economico. 
omeopsònio, sm. Forma di mercato in cui gli acquirenti hanno una condizione economica identica. 
omeostàsi, sf. 1 Caratteristica di mantenere costanti le variabili fisiologiche del mezzo interno al variare delle condizioni esterne. Viene attuata attraverso meccanismi di regolazione. 2 In cibernetica indica la caratteristica di un sistema all'autoregolazione. 
omeostàtico, agg. (pl. m.-ci) Relativo all'omeostasi. 
omeotelèuto, agg. Che ha la stessa desinenza. 
omeotermìa, sf. Termine con il quale si indica la condizione degli esseri viventi che mantengono costante la loro temperatura corporea a prescindere dalle variazioni della temperatura ambientale. 
omeotèrmo, agg. e sm. 1 Di corpo che ha la stessa temperatura. 2 Che ha temperatura costante. 
omeprazòlo, sm. Farmaco che inibisce la sintesi di acido cloridrico bloccando la pompa protonica delle cellule parietali dello stomaco. 
omeràle, agg. 1 Relativo all'omero. 2 Ampia fascia portata durante le funzioni religiose dal celebrante cattolico. 
Arteria omerale 
Arteria del braccio che va dall'ascella al gomito; qui si divide nelle arterie radiale e ulnare. 
omèrico, agg. 1 Relativo a Omero. ~ epico.