Enciclopedia

Ercìnia (selva) Foresta di enormi dimensioni che un tempo ricopriva la zona, corrispondente all'antica Germania, compresa tra i monti Ercini, le Ardenne e il Reno. 
Ercolàno Comune della provincia di Napoli (64.000 ab., CAP 80056, TEL. 081), situato alle falde del Vesuvio. È ben sviluppata l'agricoltura (frutta, ortaggi, fiori), le industrie alimentari, meccaniche e conciarie. Fino al 1969 chiamato Resina, ha ripreso il nome dell'antica città romana distrutta, assieme a Pompei, dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d. C. Di origine probabilmente osca, fu dominata dagli etruschi e dai sanniti; occupata dai greci nel V sec. a. C., divenne alleata di Roma nel 307 a. C. Coperta dalla colata di fango seguita all'eruzione del Vesuvio, rimase sepolta fino al 1709 quando iniziarono gli scavi che riportarono alla luce parte della città. Si scoprì così che l'antica città di Ercolano aveva pianta urbanistica regolare con insulae rettangolari (basilica, terme, teatro), ville signorili, dimore ricche di opere d'arte. Tra gli edifici di maggiore richiamo, la casa Sannitica, la casa del Tramezzo di legno, la casa dei Cervi, la casa dell'Atrio a mosaico, le terme. 
èrcole, sm. Uomo forte e muscoloso. ~ colosso, mastodonte. 
Èrcole (costellazione) Costellazione molto estesa sulla sfera celeste, ma caratterizzata da stelle poco luminose; in essa si trovano due grandi ammassi globulari (M 13 e M 92). È localizzabile nell'emisfero celeste boreale, a ovest della Lyra e a est della Corona Boreale; ben visibile nelle notti primaverili ed estive. 
Èrcole (mitologia) Nome latino dell'eroe greco Eracle. 
Èrcole (sovrani) Nome di sovrani. 
Ercole I d'Este 
(Ferrara 1431-1505) Marchese d'Este, duca di Ferrara, Modena e Reggio dal 1471. Sotto di lui la città di Ferrara toccò i massimi livelli; fu mecenate del Boiardo e dell'Ariosto. 
Ercole II d'Este 
(Ferrara 1508-1559) Figlio di Alfonso I e Lucrezia Borgia, fu duca di Ferrara, Modena e Reggio dal 1534. Con un'abile politica di equilibrio salvò l'integrità territoriale del ducato. 
Ercole III d'Este 
(Modena 1727-Treviso 1803) Duca di Modena e Reggio dal 1780 al 1796, all'approssimarsi dei francesi si ritirò in esilio. 
ercolìno, agg. Di gamba, piegata ad arco. Un tempo un tale tipo di gambe era ritenuto segno di robustezza. 
ercùleo, agg. Degno di Ercole. uno sforzo erculeo, che dimostra eccezionale robustezza. ~ possente, poderoso. <> debole, fiacco. 
Ercyas dagi Vulcano (3.916 m) spento della Turchia, nell'Anatolia centro meridionale. 
ERDA Sigla di Energy Research and Development Administration (ente per la ricerca e lo sviluppo energetico). 

Mastodon

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: infoblia@gmail.com
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)