Novità del sito: Mappe antiche

Enciclopedia

Sànta Marìa délla Vèrsa Comune in provincia di Pavia (2.623 ab., CAP 27047, TEL. 0385). Centro agricolo (uva da vino) e industriale (prodotti alimentari, meccanici e della lavorazione del sughero). 
Sànta Marìa di Lèuca, càpo Promontorio della Puglia, nell'estremità sudorientale della penisola salentina. Si protende nel mar Ionio con l'estremità chiamata Meliso. 
Sànta Marìa di Licodìa Comune in provincia di Catania (7.096 ab., CAP 95038, TEL. 095). Centro agricolo (agrumi, mandorle, olive, uva) e della pastoria, sulle pendici dell'Etna. Gli abitanti sono detti Licodiesi 
Sànta Marìa di Sàla Comune in provincia di Venezia (11.072 ab., CAP 30036, TEL. 041). Centro agricolo (coltivazione di foraggi e cereali) e industriale (prodotti del legno, del vetro, tessili e cartari). Gli abitanti sono detti Salesi o Saliesi
Sànta Marìa Hoè Comune in provincia di Lecco (1.759 ab., CAP 22050, TEL. 039). Centro industriale (prodotti elettrotecnici, dell'abbigliamento, delle materie plastiche e della carta). 
Sànta Marìa Imbàro Comune in provincia di Chieti (1.495 ab., CAP 66030, TEL. 0872). Centro agricolo nella valle del fiume Sangro. 
Sànta Marìa la Carità Comune in provincia di Napoli (10.135 ab., CAP 80050, TEL. 081). Centro agricolo (cereali, olive e ortaggi) e industriale (prodotti alimentari) della penisola salentina. Gli abitanti sono detti Sammamaritani
Sànta Marìa la Fòssa Comune in provincia di Caserta (2.629 ab., CAP 81050, TEL. 0823). Centro agricolo e dell'allevamento (bovini). 
Sànta Marìa la Lónga Comune in provincia di Udine (2.298 ab., CAP 33050, TEL. 0432). Centro agricolo e dell'allevamento (bovini). 
Sànta Marìa Maggióre (arte) Basilica romana che si suppone sia stata costruita da papa Liberio (352-366). In seguito ne venne ricostruita la parte absidale, la facciata posteriore (nel '600 per opera di C. Rainaldi) e la facciata principale (1741-1743 per mano di F. Fuga). 

 

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)