Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Pagine principali

(clicca sul titolo per altri link o qui per il menu completo)

libri on line

firma digitale e cns

Esperimenti con HTML5

Link

Logo Saela.eu

Logo Neapolis Rai
Old Blia.it su Neapolis (Rai)

Opensignature

Logo Blia.it

Novità del sito: Bitcoin, blockchain e ... Libra

  

Novità del sito: Primi esperimenti con la Carta d'Identità Elettronica (CIE)

 

1947    1948    1949    1950    1951    1952    1953    1954    1955    1956    1957    1958    1959    1960    1961    1962    1963    1964    1965    1966    1967    1968    1969    1970    1971    1972    1973    1974    1975    1976    1977    1978    1979    1980    1981    1982    1983    1984    1985    1986    1987    1988    1989    1990    1991    1992    1993    1994    1995    1996    1997    1998    1999    2000    2001    2002    2003    2004    2005    2006    2007    2008    2009    2010    2011    2012    2013    2014    2015    2016    2017    2018   

Legge Ordinaria n. 2 del 10/01/1952 (Pubblicata nella G.U. del 14 gennaio 1952)
Disposizioni relative alla applicazione dell'imposta di famiglia per l'anno 1952.
    La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della Repubblica hanno
approvato;

                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

                              PROMULGA

la seguente legge:
                               Art. 1.

  Limitatamente  all'applicazione dell'imposta di famiglia per l'anno
1952:
    a)  il termine del 1 agosto fissato dall'art. 273 del testo unico
per  la  finanza  locale 14 settembre 1931, numero 1175, e successive
modificazioni,  e' prorogato sino a due mesi dalla data di entrata in
vigore della presente legge;
    b)  la  Giunta  municipale, in deroga agli articoli 276 e 277 del
testo  unico  per  la  finanza  locale  14 settembre 1931, n. 1175, e
successive  modificazioni, puo' frazionare in distinti provvedimenti,
da  deliberarsi  non  oltre  il  10  dicembre  1952,  la compilazione
dell'elenco delle variazioni.
  I  singoli  elenchi  delle  variazioni sono depositati negli uffici
comunali  per  venti  giorni  consecutivi,  a  decorrere  dal  giorno
immediatamente  successivo  a  quello  in  cui sono state adottate le
rispettive  deliberazioni  della  Giunta  municipale. Le notifiche ai
contribuenti   debbono   essere  eseguite  nei  periodi  dei  singoli
depositi.
  Per  i  ricorsi  diretti ad ottenere che l'imposta sia applicata in
giusta    misura    a   chi   risulti   indebitamente   esonerato   o
insufficientemente  colpito, il termine decorre dall'ultimo giorno di
deposito dell'ultimo elenco di variazione.
 

il resto della Legge è possibile consultarlo su Normattiva.it