Legge Ordinaria n. 183 del 07/06/1993 Pubblicata nella G.U. del 14 giugno 1993, n. 137
Norme in materia di utilizzazione dei mezzi di telecomunicazione per la trasmissione degli atti relativi a procedimenti giurisdizionali.
  La  Camera  dei  deputati  ed  il  Senato  della  Repubblica  hanno
approvato;
                   IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
                              PROMULGA
la seguente legge:
                               Art. 1.
  1. La copia fotoriprodotta  di  un  atto  del  processo  redatto  e
sottoscritto  da  un  avvocato  o  da  un  procuratore  e trasmesso a
distanza attraverso i mezzi di telecomunicazione ad altro avvocato  o
procuratore,  si considera conforme all'atto trasmesso se ricorrono i
seguenti requisiti:
    a) all'avvocato o procuratore che trasmette l'atto e a quello che
lo riceve sia stata conferita procura ai sensi dell'articolo  83  del
codice  di  procedura  civile,  che  puo'  risultare  anche dall'atto
trasmesso, se questo rientra tra quelli  indicati  nell'articolo  83,
terzo comma, del codice di procedura civile;
    b)  l'atto  trasmesso  porti  l'indicazione  e  la sottoscrizione
leggibile dell'avvocato  o  procuratore  estensore  e  tali  elementi
risultino  dalla  copia  fotoriprodotta dell'atto medesimo. Se l'atto
trasmesso contiene, a norma dell'articolo 83 del codice di  procedura
civile,  la  procura,  deve  essere a questo apposta e deve risultare
dalla copia fotoriprodotta la sottoscrizione leggibile  della  parte,
di  cui  sia certificata l'autografia con la sottoscrizione leggibile
dell'avvocato o procuratore che trasmette l'atto;
    c) la copia  fotoriprodotta,  il  cui  originale  sia  dichiarato
conforme  all'atto  trasmesso  da  parte  dell'avvocato o procuratore
estensore  e   trasmittente,   sia   sottoscritta   dall'avvocato   o
procuratore ricevente.
  2.  La  copia  fotoriprodotta  di  un  provvedimento  del  processo
sottoscritta da un  avvocato  o  da  un  procuratore  e  trasmessa  a
distanza  attraverso i mezzi di telecomunicazione ad altro avvocato o
procuratore, si considera conforme all'atto trasmesso se ricorrono  i
requisiti di cui alla lettera c) del comma 1.
  3.  La  copia  fotoriprodotta  di  un atto o di un provvedimento di
altro processo sottoscritta da un avvocato  o  da  un  procuratore  e
tramessa  a distanza attraverso i mezzi di telecomunicazione ad altro
avvocato o procuratore, si considera conforme all'atto  trasmesso  se
ricorrono i requisiti di cui alla lettera c) del comma 1.
  La  presente  legge, munita del sigillo dello Stato, sara' inserita
nella  Raccolta  ufficiale  degli  atti  normativi  della  Repubblica
italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
   Data a Roma, addi' 7 giugno 1993
                              SCALFARO
                                  CIAMPI,  Presidente  del  Consiglio
                                  dei Ministri
Visto, il Guardasigilli: CONSO
 
          AVVERTENZA:
             Il testo della nota qui pubblicata e' stato  redatto  ai
          sensi   dell'art.  10,  comma  3,  del  testo  unico  delle
          disposizioni    sulla    promulgazione     delle     leggi,
          sull'emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
          e  sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
          approvato con decreto del Presidente  della  Repubblica  28
          dicembre  1985,  n.  1092,  al  solo  fine di facilitare la
          lettura della disposizione di legge alla quale  e'  operato
          il  rinvio  e  della  quale  restano  invariati il valore e
          l'efficacia.
          Nota all'art. 1:
             - Si trascrive il  testo  dell'art.  83  del  codice  di
          procedura civile:
             "Art.  83  (Procura alle liti). - Quando la parte sta in
          giudizio col ministero di un difensore, questi deve  essere
          munito di procura.
             La  procura  alle  liti  puo'  essere conferita con atto
          pubblico o scrittura privata autenticata.
             La procura speciale puo' essere apposta  in  calce  o  a
          margine  della  citazione,  del ricorso, del controricorso,
          della comparsa di risposta, o d'intervento, del precetto, o
          della domanda d'intervento nell'esecuzione.  In  tali  casi
          l'autografia  della  sottoscrizione della parte deve essere
          certificata dal difensore.
             La procura speciale si presume conferita soltanto per un
          determinato grado del  processo  quando  nell'atto  non  e'
          espressa volonta' diversa".

il resto della Legge è possibile consultarlo su Normattiva.it

Mastodon

Blia.it NON utilizza cookie (v. informativa)

Per contattare la redazione di Blia.it potete scrivere a: info@blia.it
(attenzione, blia.it non ha nessun rapporto con banche, scuole o altri enti/aziende, i cui indirizzi sono visualizzati al solo scopo di rendere un servizio agli utenti del sito)